Sanità in rivoluzione: medici di famiglia nelle AFT

E’ al vaglio del Governo un nuovo piano riguardante la ristrutturazione sanitaria in Italia. Secondo il nuovo progetto che riguarderà ovviamente tutto il settore, potrebbe essereci una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda nello specifico gli ambulatori dei medici di famiglia, che potrebbero restare aperti senza limiti, 7 giorni su 7. I cittadini così si troverebbero ad avere sempre un’assisitenza per la prescrizione di farmaci o altre emergenze, senza andare ad intasare i pronto soccorso degli ospedali.

La soluzione sta nelle “AFT“, acronimo che sta a significare Aggregazioni Funzionali Territoriali.  In cosa consistono le AFT, e come funzionano? Si tratta di grandi studi dove lavorano più medici, tra cui pediatri ma anche guardie mediche. I professionisti impegnati nelle strutture potranno essere un massimo di 16, saranno organizzati per assicurare una presenza continua e non solo dalle 8 alle 20 per cinque giorni alla settimana. Un paziente che ha bisogno di una visita e non trova il suo medico in ambulatorio, avrà comunque a disposizione un professionista che ha accesso ai suoi dati di salute sul computer e lavora fianco a fianco con il suo dottore. Questo anche di notte e nel weekend grazie all’impiego della guardia medica.

Il progetto conclusivo per il futuro è di far diventere le AFT l’unica struttura sanitaria a cui rivolgersi, salvo in caso di emergenze e ricoveri. ‘Siamo d’accordo con il ministro e ci sembra che il modello delle aft sia quello giusto’ dice Giacomo Milillo, segretario della Fimmg, il più seguito sindacato dei medici di famiglia. ‘È fondamentale in tutto questo sistema il ruolo dei colleghi della guardia medica, che verranno rilanciati da questa impostazione. Del resto non possiamo pensare che il collega sessantenne faccia le notti o venga a lavorare nel weekend. Dobbiamo puntare sui giovani e su chi ha voglia di impegnarsi fuori dagli orari consueti. Così i medici di guardia entreranno nei nostri gruppi’.

http://www.nanopress.it/salute/2012/03/08/sanita-in-rivoluzione-medici-di-famiglia-nelle-aft_P6644159.html

Annunci
Categorie: Giovani Medici, medici, Sanita' | Tag: | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “Sanità in rivoluzione: medici di famiglia nelle AFT

  1. E di tutti i medici precari senza il corso di formazione specifica in medicina generale che sopravvivono solo grazie alle guardie mediche che ne sarà?
    Perchè solo in Italia prendi una Laurea in Medicina e praticamente non sei nessuno dopo 6 (dico 6) anni di sudatissimi studi.
    Tra l’altro qualcuno mi spieghi cosa c’entrano i Medici di base con l’emergenza Sanitaria Territoriale e perchè se io sono abilitato all’Emergenza con apposito corso non entrerò mai nel circuito del 118 a meno che non faccia il Corso Triennale di medicina Generale (non ha alcun senso e sono due competenze nettamente diverse)!
    Ma questo è un babà che la FIMMG non vuole perdersi si sà!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: