Il governo vuole il sangue dei giovani medici

L’ipotesi di introdurre l’Irpef sulle borse di studio di specializzandi, dottorandi e corsisti fa infuriare la categoria. Che ha deciso di scioperare lunedì e martedì prossimo, e di protestare davanti al Parlamento

13 APR. 2012 – Come i vampiri vanno a caccia di sangue, così il governo Monti va a caccia di tasse. Tra le ultime da introdurre ci sarebbe l’Irpef per i giovani medici, ovvero coloro che ricevono una borsa di studio in cambio delle loro prestazioni sanitarie. Stiamo parlando dei medici iscritti agli anni di specializzazione, dei dottorandi e dei corsisti in medicina generale. Per farsi un’idea del balzello (contenuto nel disegno di legge “semplificazioni tributarie” attualmente in discussione alla Camera dei Deputati), per uno specializzando la decurtazione mensile sulla borsa di studio sarebbe di 300 euro.

Per far fare marcia indietro al governo, i giovani medici annunciano due giornate di sciopero, lunedì 16 e martedì 17 aprile. Data quest’ultima, in cui è in programma un sit-in davanti alla Camera, dalle 11 alle 13. A organizzare la protesta sono il Segretariato italiano giovani medici (Sigm) e la Confederazione nazionale degli specializzandi (Federspecializzandi).

Per uno specializzando, si parla di 300 euro mensili in meno, se la tassazione venisse confermata. In Italia, ha spiegato all’ANSA il presidente del Sigm Walter Mazzucco sono circa 25 mila i giovani medici interessati da questa norma, e tantissimi sono gli ospedali universitari che “si reggono sul contributo dei medici in formazione”. Strutture che, nelle due giornate, rischiano seri disagi. “Chiediamo al Governo e a tutti i gruppi parlamentari – si legge nella nota – di intervenire a correggere tale disposizione in occasione del passaggio alla Camera, affinché tale norma non finisca per produrre effetti travolgenti sul futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale”.

Qui la nota congiunta delle due associazioni di giovani medici.

fonte  http://www.viaemilianet.it/notizia.php?id=10834

Fisco: Irpef su borse di studio, giovani medici in rivolta

(ANSA) – BOLOGNA, 13 APR – Due giornate di ‘sciopero’ dei giovani medici italiani e un sit-in davanti alla Camera, per protestare contro un emendamento del testo di conversione del decreto fiscale, che introdurrebbe l’Irpef sulle borse di studio percepite dai medici in formazione specialistica, dottorandi, e corsisti in medicina generale. Ad invitare i colleghi a due giornate di astensione, lunedi’ e martedi’, da attivita’ assistenziali e di ricerca, sono il Segretariato italiano giovani medici (Sigm) e la Confederazione nazionale degli specializzandi (Federspecializzandi), con una nota congiunta. Il ritrovo, martedi’, sara’ in piazza del Parlamento, dalle 11 alle 13. Per uno specializzando, si parla di 300 euro mensili in meno, se la tassazione venisse confermata. In Italia, ha spiegato all’ANSA il presidente del Sigm Walter Mazzucco sono circa 25 mila i giovani medici interessati da questa norma, e tantissimi sono gli ospedali universitari che ”si reggono sul contributo dei medici in formazione”. Strutture che, nelle due giornate, rischiano seri disagi. ”Chiediamo al Governo e a tutti i gruppi parlamentari – si legge nella nota – di intervenire a correggere tale disposizione in occasione del passaggio alla Camera, affinche’ tale norma non finisca per produrre effetti travolgenti sul futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale”.(ANSA).

Dl fisco/Irpef sulle borse di studio, in rivolta i giovani medici

Roma, 13 apr. (TMNews) – Due giorni di protesta e un sit-in martedì 17 davanti alla Camera: i giovani medici sono sul piede di guerra contro un emendamento del testo di conversione del decreto fiscale che introdurrebbe una tassazione Irpef al 20 per cento sulle loro borse di studio. “Non vogliamo credere – si legge sul portale giovani medici – che un governo, che si è presentato dicendo ‘quello che fa bene ai giovani, fa bene al Paese’ voglia far cassa con i soldi delle borse di studio e degli assegni di ricerca, somme che garantiscono il minimo sostentamento per migliaia di giovanissimi ricercatori e medici specializzandi, quasi sempre fuori sede, che con sempre con più fatica, in questo periodo di crisi, tentano di costruirsi una esistenza indipendente e dignitosa”. Per questo, il Segretariato italiano giovani medici (Sigm) e la Confederazione nazionale degli specializzandi (Federspecializzandi), invitano i colleghi specializzandi, dottorandi, borsisti e assegnisti ad astenersi da ogni attività lavorativa assistenziale e di ricerca a partire dal 16 aprile e a partecipare al sit-in di protesta martedì 17, dalle 11 alle 13, a piazza del Parlamento a Roma.

Fonte: TM News

Annunci
Categorie: giovani, Giovani Medici, medici, ordine medici milano, ospedali, Salute e Benessere, Sanita', sanita' milano | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: