Spending review. Anmdo contro norma che “cancella” i direttori di presidio

È una figura importante per la tenuta del sistema”, afferma il presidente Gianfranco Finzi, che chiede a Balduzzi chiarimenti sulla norma che prevede l’accorpamento delle funzioni di direttore di presidio e di direttore sanitario (a vantaggio di quest’ultimo) nei “presidi unici” dove siano presenti entrambi.

12 SET – Una lettera indirizzata al ministro della Salute per rivendicare ruolo e funzioni del Direttore medico di presidio ospedaliero, alla luce delle nuove norme sulla spending review. A prendere in mano carta e penna è il presidente dell’Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere (Anmdo), Gianfranco Finzi, che chiede a Balduzzi di fare chiarezza circa alcune disposizioni che interessano alcuni tra “i più importanti centri ospedalieri del Paese” e che, “se erroneamente applicate, potrebbero determinare gravi disfunzioni gestionali, ivi compresa la nullità degli atti”.

Un articolo della legge 135/2012 sulla revisione della spesa pubblica entrata in vigore in agosto prevede, infatti, che nelle aziende ospedaliere, nelle aziende ospedaliero-universitarie e negli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici, costituiti da un unico presidio, le funzioni e i compiti del direttore sanitario e del dirigente medico del presidio ospedaliero “sono svolti da un unico soggetto avente i requisiti di legge”.

Con la sua missiva, il presidente dell’Anmdo chiede, quindi, al ministro della Salute di confermare – relativamente a tale disposizione – che l’unico soggetto avente i requisiti di legge per svolgere tali funzioni “debba possedere contemporaneamente – sottolinea Finzi – i requisiti di legge richiesti sia per il Direttore Sanitario d’Azienda, sia per il Direttore Sanitario di Presidio Ospedaliero”. E che, continua Finzi, tale “soggetto unico” a cui fa riferimento la nuova legge “è da identificare nel Direttore Medico di Presidio Ospedaliero in quanto figura dirigenziale in grado di assolvere anche i compiti ‘consulenziali’ del Direttore Sanitario d’Azienda, consentendo il miglior risparmio economico, non dovendo retribuire per intero il Direttore Sanitario”.

Le ragioni che sottendono la presa di posizione dell’Anmdo sono molteplici: “il Direttore Medico di Presidio ospedaliero – spiega l’Associazione – è innanzitutto un dirigente assunto tramite pubblica selezione e in possesso dei requisiti necessari per assumere la responsabilità della funzione igienico-organizzativa, mentre il Direttore Sanitario d’Azienda è di nomina fiduciaria del Direttore generale; non si tratta quindi di un dirigente ai sensi del D.lgs 165/2001 e non può assorbire funzioni dirigenziali gestionali-organizzative che invece competono al Direttore Medico di Presidio. Solo quest’ultimo, infine, ha la qualifica di Pubblico Ufficiale abilitato allo svolgimento di funzioni specifiche”.

http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=10785

Annunci
Categorie: Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita', sanita' milano | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: