I Giovani Medici (SIGM) diffondono i dati preliminari del sondaggio realizzato tra aspiranti specializzandi e colleghi attualmente iscritti alle scuole di specializzazione di area sanitaria e chiedono a Governo e Parlamento di valutarli attentamente in sede di approvazione del “DL 104/2013”

I Giovani Medici (SIGM) diffondono i dati preliminari del sondaggio
realizzato tra aspiranti specializzandi e colleghi attualmente
iscritti alle scuole di specializzazione di area sanitaria e chiedono
a Governo e Parlamento di valutarli attentamente in sede di
approvazione del “DL 104/2013”

Secondo i dati preliminari del sondaggio condotto sul web
dall’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) su 998 soggetti, su
un campione rappresentativo della popolazione dei medici
specializzandi ben il 79.7% dei rispondenti si dichiarano  a favore
della riduzione della durata delle scuole di specializzazione. Tra
questi, circa i 3/5 propenderebbe per un’applicazione immediata della
riforma, e più di 1/3 vorrebbe che il passaggio al percorso ridotto
fosse reso opzionale nel transitorio, ovvero avvenisse su base
volontaria.
Inoltre, il dato è confermato considerando il campione rilevato
allargato anche alla popolazione studentesca: la stragrande
maggioranza dei medici e studenti intervistati, difatti, è a favore
della riduzione della durata (84.1%), ma anche della semplificazione
dell’attuale offerta formativa (razionalizzazione delle tipologie di
scuole di specializzazione esistenti). Inoltre, ben 85.3% degli
intervistati ha la percezione che, ad oggi, non venga effettuata
un’adeguata programmazione del fabbisogno di medici.
Ma il dato più eclatante è quello relativo alla proposta di
istituzione di una scuola di specializzazione in medicina generale:
l’88.7% dei rispondenti al sondaggio è a favore di tale ipotesi che è
già realtà nel resto d’Europa.
<<Per quanto tale sondaggio presenti dei bias di selezione, i dati
rilevati hanno una tendenza maggioritaria che non presenta differenze
né per tipologia di intervistato né di area geografica – affermano i
Giovani Medici (SIGM) – Alla vigilia dell’approvazione alla Camera dei
Deputati del Decreto Legge 104/2013 (DL “Carrozza”), offriamo tali
dati al Governo ed al Parlamento per le dovute considerazioni del
caso>>.
I Giovani Medici (SIGM) propongono che il testo dell’emendamento di
iniziativa governativa, recentemente riformulato a seguito di un
accordo dei gruppi di maggioranza della Camera dei Deputati, venga
rivisitato in modo da demandare al MIUR di predisporre, laddove
fattibile dal punto di vista tecnico e nel rispetto degli obiettivi
formativi e professionalizzanti da conseguire, apposite tabelle di
conversione che diano la possibilità di optare su base volontaria per
il passaggio al percorso ridotto a quanti già iscritti alle scuole di
specializzazione, atteso che la rimodulazione non interesserà tutte le
tipologie di scuole in modo indiscriminato. In tal modo, si potrebbero
ottenere nel breve periodo i benefici introdotti dalla norma tanto in
termini di ottimizzazione della durata del percorso, quanto di risorse
da investire per il finanziamento di nuovi contratti di formazione.

Annunci
Categorie: Giovani Medici | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: