Le dieci “regole” per il medico del Terzo millennio. La “Carta dei valori” della Sapienza

Come è evoluta la professione del medico, dalle profondità della storia, all’iperspecializzazione tecnologica; cosa mutuare dal passato e come integrarlo nella complessità dello scenario attuale, senza derogare dalle caratteristiche umane ed etiche del medico. Una carta dei valori e delle competenze per gli studenti di medicina e chirurgia.

23 MAR – La figura professionale del medico si è andata modificando nel corso dei secoli, anche se l’enorme valenza civile, sociale ed etica è stata già riconosciuta migliaia di anni fa nella civiltà egizia, romana e sopratutto greca, quando in particolare, la mirabile sintesi del “Giuramento di Ippocrate” ne tratteggia gli aspetti fondamentali ed unici nell’ambito delle attività umane.
Ma sopratutto negli ultimi anni si è assistito ad una modificazione culturale e di ruolo del medico che si è dovuto adeguare alle impressionanti e tumultuose modificazioni della società.

Basterebbe pensare ad una serie di rilevanti elementi: lo sviluppo drammatico della tecnologia, l’ultraspecializzazione, lo sviluppo dell’informatizzazione e della comunicazione globalizzata, l’impatto dell’economia e del peso delle ricadute finanziarie sempre crescenti della medicina e dalle scelte del medico.
Infine, l’aziendalizzazione delle attività sanitarie e l’ingresso della managerialità in scala differenziata, ma pregnante, nell’attività professionale di ogni singolo medico.

La crescente e variegata “discussione morale” che connota le attività mediche; il confine tra la vita e la morte, l’uso anche estremo delle tecnologie per il mantenimento in vita, le tecniche di fecondazione, il costo delle cure e dei farmaci salvavita, l’applicazione della medicina basata sulle evidenze, la ricostruzione del genoma umano e le sue molteplici e talora temerarie applicazioni ed implicazioni.

Ed in mezzo a tutte queste complesse modificazioni deve posizionarsi il medico, il Medico del Terzo Millennio, che certamente non è più lo stesso del “Giuramento di Ippocrate” e non è nemmeno più la romantica figura del medico condotto o del cultore assoluto del fonendoscopio.

Tuttavia, il Medico del Terzo Millennio deve associare le insostituibili caratteristiche umane ed etiche che devono anzi essere preservate e rafforzate, il metodo clinico e investigativo del passato con quelle emergenti caratteristiche e competenze che richiede la società moderna con tutta la sua complessità, le sue innovazioni e le sue continue trasformazioni.

E’ per questo che in un articolo preparato assieme a Giuseppe Familiari, professore di Anatomia Umana e grande esperto di pedagogia medica, abbiamo messo a punto un “decalogo”, forse non inclusivo di tutte le molteplici caratteristiche che deve avere il medico contemporaneo, per chi aspira a diventare medico, ma anche per chi lo è già.
Il “decalogo” è in realtà una “carta dei valori” che è base dei corsi di formazione medica della nostra Facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza di Roma.

Il profilo culturale e professionale che ne emerge non è certo semplice e tratteggia i connotati del “nuovo” medico che non può ignorare o schivare del tutto nessuno di questi aspetti, che da una parte richiedono un rafforzamento sempre maggiore del profilo umano, etico e professionale e dall’altra ne sottolineano la svolta verso una modernità di approccio e di cultura che sia capace di rispondere alle sfide imposte dal progresso della scienza e dell’umanità.

Probabilmente, la realizzazione di medici con queste caratteristiche richiederà interventi che siano capaci di rendere più flessibili e articolati i processi di scelta e di convinzione per l’accesso al Corso di Laurea, i programmi stessi dei corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e dei corsi di formazione post-laurea nonché le valutazioni per la selezione di professionisti per le diverse articolazioni del Servizio Sanitario Nazionale.

La trasformazione del medico richiederà nei prossimi anni una profonda trasformazione dei processi e dei programmi di formazione e di professionalizzazione che dovrà coinvolgere in prima linea tutte le istituzioni e le sedi di insegnamento.

Carta dei Valori e delle Competenze degli Studenti in Medicina e Chirurgia: “Il Medico nel Terzo Millennio”
1.     Vocazione e Passione, Etica, Responsabilità e Spiritualità;
2.     Cultura e Ricerca; Approccio metodologico scientifico; impegno nell’aggiornamento e disponibilità all’educazione continua;
3.     Investigazione (Metodo) e Critica (anche autocritica);
4.     Impiego appropriato e aperto della seconda opinione e dell’interazione specialistica;
5.     Corretto e appropriato uso delle tecnologie e dell’informatizzazione;
6.     Empatia con il paziente ed i congiunti; predisposizione psicologica ad aiutare;
7.     Contatto umano e fisico con il paziente; implementazione del valore dell’esame clinico;
8.     Difesa e rispetto della vita – “no surrender”/no accanimento;
9.     Corretto uso delle risorse umane ed economiche, sviluppo di capacità manageriali sufficienti;
10.   Confronto e Rispetto dei colleghi e dell’equipe (deontologia).

Massimo Volpe
Professore Ordinario di Cardiologia
II Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Roma ‘Sapienza’
Azienda Ospedaliera Sant’Andrea

http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=26760&fr=n

Annunci
Categorie: Giovani Medici, innovazione, medici | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: