Certificati di morte: normativa su compiti e funzioni di polizia mortuaria

La circolare INPS del 13 febbraio 2015 dispone che i medici necroscopi nominati dalle Aziende Sanitarie e non i medici di medicina generale spediscano i certificati di accertamento del decesso online all’Istituto di previdenza entro 48 ore dall’evento.

L’articolo 4 del DPR n.295 del 1990 specifica infatti che il medico necroscopo è un medico appositamente incaricato dall’ASP e la dichiarazione a verbale n. 5 del DPR n. 270/2000 afferma che le funzioni di medico necroscopo e di polizia mortuaria non sono compiti propri del medico di medicina generale.

Quando decede una persona, è necessaria la compilazione di tre distinti certificati medici :

  1. Certificato di constatazione del decesso, compilato dal medico che interviene per primo a constatare l’exitus e contenente, oltre alle generalità del defunto, anche ora, data e luogo del decesso. Questo certificato serve ad attestare la cessazione delle funzioni vitali e l’inefficacia di eventuali  manovre rianimatorie ed è destinato ad informare l’ufficiale di stato civile dell’avvenuto decesso di una persona nel territorio comunale di competenza.
    Le norme per l’accertamento di morte sono stabilite dal D.M.Sanità del 31.8.1994 in applicazione della legge n. 578/1993
    .
  2. Denuncia delle cause di morte su scheda ISTAT, indirizzata al  Sindaco e redatta dal medico curante o dal medico necroscopo dipendente dell’ASP in caso di irreperibilità del medico curante nel periodo tra il decesso e il funerale. E’ un obbligo che deve essere assolto entro 24 ore dalla constatazione del decesso ai sensi dell’art. 103 del TULS (art. 1 del DPR 21.10.1975). Nei giorni prefestivi e festivi, quando cioè il medico di medicina generale non è in servizio, il certificato ISTAT deve quindi essere compilato dal medico necroscopo nominato dall’Azienda Sanitaria.
  3. Certificato necroscopico redatto dal medico necroscopo tra la 15ma e la 30ma ora dal decesso per constatare la realtà della morte (presenza di macchie ipostatiche, rigidità e raffreddamento naturali del cadavere, essicamento delle mucose, ecc.) dopo un adeguato periodo di osservazione. Serve all’ufficiale di stato civile per cancellare il defunto dall’anagrafe e per autorizzare il seppellimento.

Ai sensi dell’art. 11 del DPR n. 285/1990  (regolamento di polizia mortuaria), durante il periodo di osservazione – 24 ore per i casi di morte naturale e 48 ore nei casi di morte improvvisa – il cadavere deve essere tenuto in luogo e in condizioni compatibili con la vita, cioè ad una temperatura ambientale di almeno 18-20 gradi.

La Cassazione Penale con sentenza del 14.12.1977 ha ritenuto colpevole del reato di falso ideologico (art. 481  codice penale) un medico che aveva compilato un certificato di morte senza aver visitato la salma.

Il certificato di morte e dell’identificazione delle relative cause presuppone quindi l’avvenuta visita medica, secondo la successiva sentenza n. 8496 del 17.10.1983 della Cassazione, sezione penale V.

In caso di assenza del medico curante titolare, il medico sostituto assume tutte le funzioni del titolare e pertanto sulla base della visita della salma e della scheda anamnestica del defunto è legittimato a compilare in vece del curante anche la scheda ISTAT.

Se il medico sostituto ritiene di non avere sufficienti elementi di giudizio deve invece lasciare questo compito al medico necroscopo oppure, se è il caso, effettuare una richiesta motivata di autopsia.

La scheda ISTAT viene di norma compilata dal medico ospedaliero quando il paziente decede in ospedale o all’arrivo in pronto soccorso e dal medico necroscopo quando il paziente decede fuori ambito di residenza.

L’autorizzazione alla cremazione, a seguito di richiesta per iscritto del defunto, richiede un ulteriore certificato medico ai sensi della legge n. 130 del 30 marzo 2001.

A cura di: Mauro Marin – Pordenone

https://hardoctor.wordpress.com/2015/04/29/certificati-di-morte-normativa-su-compiti-e-funzioni-di-polizia-mortuaria/

Annunci
Categorie: medici | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: