Vaccini – Nessuna responsabilità del medico se somministrazione tecnicamente corretta

Cassazione Civile  – Vaccini – Nessuna responsabilità del medico se somministrazione tecnicamente corretta. Nessuna responsabilità colposa può gravare sul medico che abbia eseguito la vaccinazione attenendosi ai protocolli nella localizzazione dell’iniezione e nelle modalità della sua esecuzione. Il medico  non è tenuto trattandosi di una pratica routinaria ad eseguire altri e più complessi accertamenti preventivi. Sentenza n. 21177/15

FATTO: Nel 1997 P.F. conveniva in giudizio dinanzi al Pretore di Torre Annunziata la A.S.L. n. —- di Napoli per sentirla condannare al risarcimento dei danni subiti a seguito della cattiva esecuzione di una iniezione intramuscolare finalizzata alla vaccinazione obbligatoria antitifica, dalla quale assumeva di aver riportato postumi permanenti.

DIRITTO: Nel 2011 la Corte d’Appello di Napoli, con la sentenza qui impugnata affermava che, benché potesse ritenersi provato che l’iniezione aveva toccato e danneggiato il nervo circonflesso, nessuna responsabilità fosse ascrivibile al medico vaccinatore e per esso alla ASL avendo il medico somministrato il vaccino in maniera tecnicamente corretta e avendo il predetto nervo un andamento variabile da individuo ad individuo. La Corte di Cassazione ha rilevato che la Corte d’Appello non ha violato i principi in tema di responsabilità medica ed in particolare in tema di ripartizione dell’onere della prova in caso venga prospettata una ipotesi di responsabilità (contrattuale) medica: essa ha positivamente accertato l’esistenza del nesso causale tra la vaccinazione e il danno riportato dalla paziente (sulla cui entità non si è svolto peraltro un approfondimento istruttorio) ma ha poi escluso, sulla base di un accertamento in fatto fondato motivatamente sulle risultanze delle consulenze tecniche, in particolare della prima, che alcuna responsabilità colposa gravasse sulla dottoressa che ha eseguito la vaccinazione, la quale si è attenuta ai protocolli nella localizzazione dell’iniezione e nelle modalità della sua esecuzione, né era tenuta, trattandosi di una pratica routinaria ad eseguire altri e più complessi accertamenti preventivi).

Sentenza_n._21177

http://www.fnomceo.it/fnomceo/showArticolo.2puntOT?id=138246&utm_source=emailcampaign97&utm_medium=phpList&utm_content=HTMLemail&utm_campaign=n.42+Filo+Diretto+con+FNOMCeO+

Annunci
Categorie: Sanita', sentenze | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: