Orari, Sigm: no a utilizzo dei medici in formazione per supplire a carenze di organico

L’Associazione Italiana Giovani Medici (Sigm), interviene nel dibattito in merito al recepimento della Direttiva Europea 2003/88/CE sul monte orario: «È necessario e urgente porre l’accento sul recupero di risorse interne alla sanità – spiega Andrea Silenzi , neo presidente dell’associazione – per fare spazio oggi ai giovani specialisti; fare il gioco dello scaricabarile con le Istituzioni o soffermarsi sulle interpretazioni dei metodi di calcolo dell’orario in questo momento non serve. E a nessuno venga in mente di sacrificare la formazione all’altare della sostenibilità di assetti non più giustificabili». La tematica del monte orario e dei vincoli di riposo dei medici e operatori del comparto irrompe nel dibattito in sanità paradossalmente con un ritardo di 12 anni rispetto all’uscita direttiva europea 2003/88/CE da cui tutto è nato. Limite massimo di 12 ore di lavoro giornaliero e 11 ore continuative di riposo nell’arco della giornata. I Governi italiani hanno negli anni congelato la situazione di medici e comparto, ma le procedure di infrazioni di Bruxelles hanno imposto la data del 25 novembre per normalizzare una situazione tutt’altro semplice da gestire a causa di una strutturale carenza di organico in un Ssn che, seppur in ridimensionamento, rappresenta il 78% della spesa sanitaria globale del nostro Paese (la spesa sanitaria pubblica nei Paesi OCSE si attesta a una media del 73%), nonché il datore di lavoro pressoché unico dei medici italiani. «Il recupero di sprechi e inappropriatezze» aggiunge Silenzi «deve interessare sia la governance regionale sia la rappresentanza sindacale dei medici. Certamente evitando di confondere i piani della formazione e del lavoro che invece meritano un’integrazione chiara e coerente al servizio del sistema». La Direttiva specifica che il limite del monte orario non è applicabile ai medici in formazione che in tutti i sistemi sono, nel bene e nel male, chiamati a operare ben aldilà degli orari lavorativi di contratto per massimizzare le opportunità formative sia per risolvere i problemi strutturali di mancanza di organico e razionamento dei finanziamenti. «Diffusa è però la tentazione – continua il presidente della Sigm – di risolvere i problemi strutturali di mancanza di organico e razionamento dei finanziamenti con il lavoro dei medici in formazione (è cronaca di queste settimane la proposta di modifica contrattuale con aumento di orario di lavoro e diminuzione della retribuzione dei “junior doctors” in Gran Bretagna). E’ il segnale che il campo della formazione e quello della sanità sono sempre più interconnessi e là dove quest’ultimo è in crisi, utilizza il primo come tappa buchi. Ma questo non può essere replicato nel nostro contesto». Sblocco del turnover e incentivazione dell’assunzione di giovani medici specialisti da un lato (troppo spesso), recupero di sprechi e inappropriatezza negli assetti organizzativi e nella pratica professionale dall’altro, possono essere le giuste terapie per rilanciare, secondo i giovani medici, veramente il sistema.

Rossella Gemma

http://www.doctor33.it/orari-sigm-no-a-utilizzo-dei-medici-in-formazione-per-supplire-a-carenze-di-organico/politica-e-sanita/news–32245.html?xrtd=PYTTYVSRRXTYLSCVXRYSVYS

Annunci
Categorie: Giovani Medici, ospedali, Sanita' | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: