ordine medici milano

COMUNICAZIONE TELEMATICA DI GRAVIDANZA

 L’INPS, con propria circolare n. 82 del 04/05/2017, ha  disciplinato  le modalità dell’invio telematico dei certificati di gravidanza e/o di interruzione di gravidanza. L’invio telematico è previsto per i medici dipendenti del servizio Sanitario Nazionale e per quelli convenzionati. È previsto un periodo transitorio di 3 mesi a far data dall’emanazione della circolare, durante il quale è riconosciuta la possibilità per il medico di procedere al rilascio cartaceo dei certificati di gravidanza e di interruzione della gravidanza.

 

com-n-50_circolare-inps-n-82-04-05-2017_telematizzazione-certificato-medico-gravidanza_prot-5604_12-05-2017

Categorie: medici, ordine medici milano, Sanita' | Tag: | Lascia un commento

Il dr Web non cura, causa anche ansia

Le statistiche parlano chiaro: l’80% degli italiani consulta siti di informazione scientifica e il 65% quelli di associazioni mediche al fine di acquisire informazioni sulle proprie condizioni di salute.

Il rischio connesso a questa pratica è però che una mole enorme di notizie e pareri non vagliati da nessuna fonte esperta è a disposizione di chiunque.

Un ‘fai da te’ della salute che porta con sé inevitabili risvolti negativi primo tra tutti quello che il paziente arriva dal medico nella migliore delle ipotesi avendo tratto conclusioni affrettate e quindi sottovalutando o sopravvalutando i propri sintomi. Senza contare il prevedibile ‘effetto ipocondria’ a causa del quale si passano intere giornate in internet alla ricerca della possibile spiegazione di sintomi a volte solo psico-somatici.

Una situazione che un medico deve assolutamente saper affrontare e contrastare nel modo più adeguato, nel momento in cui un paziente si rivolge a lui.

Alla luce di queste considerazioni è stato pensato il sesto incontro del nuovo corso organizzato dalla “Scuola di comunicazione in sanità” dal titolo“Dottor Web: quando il paziente arriva gia ‘informato’” che si terrà oggi, 5 aprile 2017, dalle ore 14.30 alle 18.00, nell’aula V. Capacchione presso il Presidio Ospedaliero di Rho (ASST RHODENSE), in corso Europa n.250.

Relatore sarà la dottoressa Paola Mosconi dell’IRCCS Mario Negri di Milano.

La nuova “Scuola di comunicazione in sanità”, promossa dal dottor Martino Trapani e dal Prof. Roberto Bollina,  è stata voluta e istituita da un comitato formato dal Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, dall’ Asst Rhodense, Associazione Italiana Giornalismo Responsabile, Associazione Lampada di Aladino, e si pone l’obiettivo di aggiornare, integrare, innovare il rapporto medico-paziente, migliorando le modalità comunicative,  l’immagine e la credibilità dell’istituzione sanitaria verso i cittadini, pazienti e non.

Il corso, rivolto ai Medici e accreditato ECM, è partito il 15 Marzo e proseguirà fino al 25 Ottobre 2017.

Si articola in 10 incontri con cadenza settimanale di circa 3 ore ciascuno (2,15 h di parte teorica e 40 min. di dibattito moderato dal giornalista Ettore Politi, Presidente dell’Associazione Italiana Giornalismo Responsabile).

Dopo ogni incontro viene prodotto un documento che potrà essere portato all’attenzione della Terza Commissione Sanità di Regione Lombardia, affinchè valuti e prenda in considerazione le proposte che pervengono dalla scuola di formazione, sottoscritte da dieci e più esperti.

Ettore Politi, Presidente dell’Associazione Italiana Giornalismo Responsabile

http://www.frontedelblog.it/2017/04/05/il-dr-web-non-cura-causa-anche-ansia/

Categorie: medici, ordine medici milano, ospedali, Salute e Benessere, Sanita', sanita' milano | Tag: , | Lascia un commento

GENOVESE INDICA LA CURA PER LA MEDICINA DIFENSIVA

VIA AL 2° INCONTRO DELLA SCUOLA DI COMUNICAZIONE

Di Ettore Politi

22_-umberto-genoveseProf. Umberto Genovese

Quest’anno sono ‘solo’ 120 i medici che sono riusciti a partecipare alla prima Scuola di Comunicazione in Sanità promossa dall’Ordine dei Medici di Milano. Un’iniziativa ‘sperimentale’ che, però, si sta rivelando di grande interesse per la tutta la categoria. La ragione è dovuta alla scelta dei temi trattati nelle singole lezioni. La prima, sulla globalizzazione e i mille fenomeni e problemi legati alle diversità etniche, diagnostica, epidemiologiche e non ultime linguistiche, è stata tenuta, davanti ad un’attenta platea di medici, dal presidente dell’Ordine dei medici di Milano, Roberto Carlo Rossi.

Dott Rossi, Pres. Ordine dei Medici

Un intervento da tutti apprezzato e condiviso per la chiarezza e la linearità espositiva.  Il tempo dedicato al dibattito non è stato nemmeno utilizzato in quanto nessun medico, dopo i diverso applausi, ha avuto nulla da replicare. Si pensa che, vista la complessità e le molte variabili del tema, invece, non avverrà lo stesso il giorno 29 marzo quando il giornalista dell’AIGR, moderatore degli incontri,  inviterà a salire in cattedra il prof Umberto Genovese, già docente di medicina legale e del lavoro, nonché ricercatore e Coordinatore del Laboratorio Responsabilità Sanitaria UNIMI

LA SANITÀ TROPPO SPESSO

È GIUDICATA IN TRIBUNALE

I tribunali, le assicurazioni, i medici ospedalieri, nonostante il recente intervento governativo in proposito, hanno sempre vissuto e vivono con inquietudine l’aspetto della rivalsa giuridica del paziente davanti a presunte impreviste complicazioni post cura e/o operatorie e/o per presunti palesi errori. Certo, non stiamo parlando del paziente al quale per un clamoroso errore si amputa l’arto sbagliato, ma di altri migliaia di casi ben lontani da incidenti organizzativi di tale entità.  In tanti, tanti casi, il rapporto medico paziente appare sempre più spesso inficiato dalla predisposizione negativa e dalla potenziale diffidenza che il paziente nutrirebbe temendo il fantasma della malasanità. Un aspetto, questo, che a parte casi di palese malafede, può trovare delle ottime risposte di chiarimento non nell’ambito legale, ma piuttosto in quello psicologico. Nessun paziente accetta di buon grado una malattia, le conseguenze che ne derivano da essa, le complicazioni naturali e i disagi post operatori: fattori scatenanti dell’ansia che frequentemente si trasforma in rabbia e in aggressività legale, talvolta assolutamente ingiustificata, nei confronti dei medici operanti. Ovviamente, sia chiaro, fermi restando i veri casi di malasanità che non sono certo rari. Stiamo parlando di un solo un granello di sabbia prelevato da un deserto di problematiche e aspetti complessi che, di là dai casi che presentano la necessità di oggettive valutazioni medico-legali, spesso appaiono come inquietanti e irrefrenabili reazioni emotive che si placano solo a fronte di adeguati risarcimenti assicurativi.

IL TIMORE DEL CODICE INCIDE

SULLE SCELTE MEDICHE?

Di fatto, il tema dell’incontro di mercoledì’, nella sala conferenze dell’Ospedale di Rho, sarà anche quello che una maggiore attenzione al rapporto medico-paziente può costituire un efficace approccio contro la massiccia diffusione della cosiddetta “medicina difensiva”, un fenomeno molto comune negli Stati Uniti, ma in netta ascesa anche in Italia. Un valido baluardo contro questa pratica, con cui il medico difende se stesso contro eventuali azioni di responsabilità medico-legali in seguito alle cure mediche prestate, è costituito dall’orientare la formazione dei medici ad una maggiore attenzione al rapporto medico-paziente. Ed è questo che, nella sostanza, si propone il secondo incontro promosso dalla “Scuola di Comunicazione in Sanità” dal titolo “Il contenzioso e la medicina difensiva” che, appunto, si terrà il 29 Marzo 2017 dalle ore 14.30 alle 18.00 nell’aula V. Capacchione presso il Presidio Ospedaliero di Rho (ASST RHODENSE), in corso Europa n.250.  La nuova “Scuola di Comunicazione in Sanità” è stata voluta e istituita da un comitato condiviso dall’Ordine dei Medici di Milano con L’ASST Rhodense, l’Associazione Italiana Giornalismo Responsabile e l’Associazione Lampada di Aladino, e si pone l’obiettivo di aggiornare, integrare, innovare il rapporto medico-paziente, migliorando le modalità comunicative, l’immagine e la credibilità dell’istituzione sanitaria verso i cittadini, pazienti e non.

IL ‘SOLITO’ CORSO DIVENTA

 LABORATORIO DI RIFLESSIONE

Il corso, rivolto ai Medici e accreditato ECM, è iniziato il 15 Marzo con la brillante lezione tenuta dal Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi, al quale, assieme all’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, va anche il riconoscimento di aver tenuto a battesimo la prima Scuola italiana di Comunicazione in Sanità. Il ciclo di lezioni proseguirà fino al 25 Ottobre 2017. l corso, infatti, si articola in 10 incontri con cadenza settimanale di circa 3 ore ciascuno (2,15 h di parte teorica e 40 min. di dibattito che sarà moderato da un giornalista dell’AIGR, l’Associazione Italiana Giornalismo Responsabile). Dopo ogni incontro verrà prodotto un documento che potrà essere portato all’attenzione della Terza Commissione Sanità di Regione Lombardia, affinché valuti e prenda in considerazione le proposte che pervengono dalla scuola di formazione, sottoscritte da dieci e più esperti.

Ettore Politi

http://www.frontedelblog.it/2017/03/27/genovese-indica-la-cura-per-la-medicina-difensiva

 

Categorie: ordine medici milano, Sanita', stili di vita, varie | Tag: , , | Lascia un commento

FAD SU APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA PER MMG

La SIBioC Medicina di Laboratorio ha promosso la realizzazione del Corso FAD “Appropriatezza Prescrittiva nell’Ambulatorio del Medico di Medicina Generale. Richiesta ed interpretazione degli Esami di Laboratorio”, gratuito per i Soci SIBioC e per i Medici di Medicina Generale. Il Corso, che assegna 15 crediti ECM, consentirà ai Professionisti del Laboratorio Clinico di acquisire informazioni utili all’attività di consulenza che sono chiamati a fornire in merito all’appropriata prescrizione degli esami ed alla loro corretta interpretazione ed al Medico di Medicina Generale di acquisire maggiori informazioni relative all’appropriatezza prescrittiva degli Esami di Laboratorio nei diversi scenari clinici (diagnosi, monitoraggio, risposta alla terapia) di numerose patologie. Le patologie e gli aspetti clinici affrontati nel corso FAD sono di seguito elencati: allergie, amenorrea, anemie, monitoraggio della terapia anticoagulante, autoimmunità, biomarcatori in oncologia, diabete, dislipidemie, gammapatie monoclonali, ipertensione, patologie della tiroide, malattie epatiche ereditarie, insufficienza renale cronica, osteoporosi, scompenso cardiaco, trattamento anticoncezionale.

Per accedere al corso cliccare qui

Categorie: ordine medici milano, Sanita' | Tag: | Lascia un commento

A scuola di Comunicazione medico-paziente con l’Omceo Milano. Prossimo incontro il 27 marzo

Il ciclo di lezioni promosso dall’Ordine dei Medici di Milano segna il record di iscritti. Il primo incontro, del 15 marzo, è stato dedicato alla comunicazione tra medico e pazienti stranieri. L’incontro del 27 marzo sarà dedicato al tema “Il contenzioso e la medicina difensiva”.  

17 MAR – Presentata alla stampa nei giorni scorsi nella sede dell’Ordine dei Medici di Milano, la Scuola di Comunicazione in Sanità sta riscuotendo ampio consenso, sia in termini di condivisione per la sua utilità, sia per quanto riguarda la partecipazione che alla sua prima lezione ha fatto registrare il numero massimo di presenze. Nell’Aula V. Capecchione di Corso Europa 250 a Rho, dell’Asst Rhodense il primo incontro, dedicato a “Le patologie della globalizzazione”, è stato tenuto dal Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Milano, Roberto Carlo Rossi.

Rossi ha proposto alla platea una selezionata serie di dati elaborati sia dall’Istat che da Eurispes, nonché i risultati di una sua indagine condotta sulla situazione organizzativa di un medico di famiglia che esercita della città di Milano. “E’ emerso che il medico di base in esame ha 1670 assistiti con una percentuale del 56 per cento di pazienti stranieri e con la straordinaria circostanza, peraltro, che detti pazienti provengono da 53 diverse nazionalità”, rende noto l’Omceo di Millano.

Tra i temi affrontati, la condizione e integrazione dei cittadini stranieri nel nostro Paese e spiegazione la Sindrome di Salgari: “Quando il medico tende a ipotizzare malattie tropicali, quadri clinici e malattie rare o strane in pazienti di altre etnie”.

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano ha quindi evidenziato 4 criticità nella relazione comunicativa tra medico e paziente straniero: 1) barriera linguistica; 2) diversa percezione della salute e della malattia; 3) diversa cultura; 4) lontananza da casa.

Il prossimo appuntamento con la Scuola di Comunicazione in Sanità dell’Omceo di Milano è fissato per il giorno 27 Marzo, sempre nella sala conferenze dell’Asst Rhodense di Corso Europa 250, a Rho, dove interverrà il Professore Umberto Genovese, docente dell’Università Statale di Milano, che tratterà il tema ‘Il contenzioso e la medicina difensiva’.

Categorie: ordine medici milano, Sanita' | Tag: | Lascia un commento

RHO. PARTE IL PRIMO INCONTRO FORMATIVO PER I MEDICI DELLA SCUOLA DI COMUNICAZIONE IN SANITA’

La Scuola di Comunicazione in Sanità sta riscuotendo ampio consenso sia in termini di condivisione per la sua utilità, sia per quanto riguarda la partecipazione

RHO, 15 marzo 2017  – Parte da Rho il primo ciclo di incontri formativi per medici della Scuola di Comunicazione in Sanità . In cattedra questo pomeriggio il Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurgi e Odontoiatri della provincia di Milano Roberto Carlo Rossi che relazionerà su “Le patologie della globalizzazione”.

 

La Scuola di Comunicazione in Sanità sta riscuotendo ampio consenso sia in termini di condivisione per la sua utilità, sia per quanto riguarda la partecipazione. Il Comitato Scientifico della Scuola, infatti, inizialmente aveva fissato in 80 medici il massimo di partecipanti. Una quota di iscritti, però, che mano mano è stata elevata a120 medici che seguiranno le lezioni presso l’Aula “ Capacchione” del rpesidio ospedaliero di Rho.

 

TEMA DEL PRIMO INCONTRO-DIBATTITO:

“LE PATOLOGIE DELLA GLOBALIZZAZIONE”

 

“Globalizzazione” è un termine ormai usato comunemente in ambito economico per indicare la progressiva crescita degli scambi e dei rapporti a livello mondiale. Una fitta rete di relazioni che presenta come principale effetto non solo una significativa convergenza economica e culturale, ma anche una a livello sanitario.

Viaggiare si può infatti tradurre in rapida propagazione di agenti patogeni, tanto che le malattie epidemico-contagiose e infettive sono tornate a ripresentarsi in nuove forme, seppur sempre trasmissibili attraverso i consueti canali uomo-animale-vegetale.

Di questo e di come affrontare in modo chiaro e competente questa situazione si parlerà durante il primo di dieci incontri di cui è costituito il nuovo corso organizzato dalla “Scuola di formazione per la comunicazione in sanità” dal titolo “Le patologie della globalizzazione” che si terrà il 15 Marzo 2017 dalle ore 14.30 alle 18.00 nell’aula V. Capacchione presso il Presidio Ospedaliero di Rho (ASST RHODENSE), in corso Europa 250.

Relatore Roberto Carlo Rossi, Presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Milano e Provincia.

La nuova “Scuola di comunicazione in sanità” è stata voluta e istituita da un comitato formato da Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano, ASST Rhodense, Associazione Italiana Giornalismo Responsabile, Associazione Lampada di Aladino, e si pone l’obiettivo di aggiornare, integrare, innovare il rapporto medico-paziente, migliorando le modalità comunicative, l’immagine e la credibilità dell’istituzione sanitaria verso i cittadini, pazienti e non. Il corso, rivolto ai Medici e accreditato ECM, partirà, dunque, il 15 Marzo e proseguirà fino al 25 Ottobre 2017. Si articolerà in 10 incontri con cadenza settimanale di circa 3 ore ciascuno (2,15 h di parte teorica e 40 min. di dibattito che sarà moderato da un giornalista di AIGR). Dopo ogni incontro verrà prodotto un documento che potrà essere portato all’attenzione della Terza Commissione Sanità di Regione Lombardia, affinchè valuti e prenda in considerazione le proposte che pervengono dalla scuola di formazione, sottoscritte da dieci e più esperti.

Categorie: ordine medici milano, Sanita', varie | Tag: | Lascia un commento

NUMERO MASSIMO DI ISCRITTI AL CLICLO DI LEZIONI DELLA SCUOLA DI COMUNICAZIONE IN SANITA’

NUMERO MASSIMO DI ISCRITTI AL CLICLO DI LEZIONI DELLA SCUOLA DI COMUNICAZIONE IN SANITA’

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano Roberto Carlo Rossi relaziona sulla comunicazione tra medico e pazienti stranieri per migliorarne il dialogo

Presentata alla stampa nei giorni scorsi nella sede dell’Ordine dei Medici di Milano, la Scuola di Comunicazione in Sanità sta riscuotendo ampio consenso tra i medici e le istituzioni, sia in termini di condivisione per la sua utilità, sia per quanto riguarda la partecipazione che alla sua prima lezione ha fatto registrare il numero massimo di presenze.

Nell’Aula V. Capecchione di Corso Europa 250 a Rho, dell’Asst Rhodense il primo incontro è stato infatti tenuto dal Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Milano.

Il dott. Roberto Carlo Rossi, quasi ininterrottamente e per oltre due ore, è stato il relatore d’eccellenza che è riuscito a riscuotere la massima attenzione del pubblico di iscritti che affollava la sala: “LE PATOLOGIE DELLA GLOBALIZZAZIONE”.

E’ stato questo il tema dell’incontro che, per quanto possa sembrare tratti un fenomeno assai noto, il Presidente Rossi lo ha, reso di ulteriore grande interesse proponendo al pubblico una selezionata serie di significativi dati elaborati sia dall’Istat che da Eurispes.

Roberto Carlo Rossi ha inoltre reso nota una sua indagine personale condotta sulla situazione organizzativa di un medico di famiglia che opera in un’area, non proprio periferica, della città di Milano.

Da questa singolare e originale analisi è emerso che il medico di base in esame ha 1670 assistiti con una percentuale del 56 per cento di pazienti stranieri e con la straordinaria circostanza, peraltro, che detti pazienti provengono da 53 diverse nazionalità.

Forse un dettaglio sorprendente nell’attuale realtà complessa che vede il medico di famiglia e ospedaliero in prima linea. Un professionista che, pur fornendo risposte professionali adeguate, sempre più spesso si trova ad operare senza il necessario supporto scientifico e tantomeno della burocrazia sanitaria. Da come interpretare correttamente l’art. 32 del primo comma della nostra Costituzione sino all’analisi delle condizioni di salute dei pazienti stranieri che vivono in Italia da oltre 10 anni.

E ancora, dalla statistica su ‘condizione e integrazione dei cittadini stranieri’ nel nostro Paese alla spiegazione della Sindrome di Salgari (Quando il medico tende a ipotizzare malattie tropicali, quadri clinici e malattie rare o strane in pazienti di altre etnie), il Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano è giunto alla sintesi della valutazione relativa alle criticità comunicative nel rapporto con il paziente straniero in merito ai suoi problemi di salute: 1) Barriera linguistica; 2) Diversa percezione della salute e della malattia; 3) Diversa cultura; 4) Lontananza da casa.

Il presidente Rossi, che dopo il saluto del direttore sanitario e di quello socio sanitario dell’Asst Rhodense, rispettivamente il dottor Roberto Bollina e Maurizio Montanelli, del principale promotore della Scuola di Comunicazione il dottor Martino Trapani con il giornalista Ettore Politi, Presidente dell’Associazione Italiana Giornalismo Responsabile, ha tenuto a sottolineare la disponibilità e l’attenzione che l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, ripone verso le problematiche della sanità Lombarda e dei medici e l’apprezzamento avuto, nello specifico caso, per la Scuola di Comunicazione in Sanità.

Il prossimo appuntamento è fissato per il giorno 27 Marzo, sempre nella sala conferenze dell’Asst Rhodense di Corso Europa 250, a Rho, dove interverrà il Professore Umberto Genovese, docente dell’Università Statale di Milano, che tratterà un altro tema di grande interesse: ‘Il contenzioso e la medicina difensiva’.

Categorie: Giovani Medici, medici, ordine medici milano, Sanita' | Tag: , , | Lascia un commento

GLI EVENTI CHE VUOI

Nel triennio 2014-2016 vari sono stati i temi trattati dagli eventi formativi organizzati da OMCeOMI.

Visto l’alto gradimento dell’attività formativa di questo ordine vi invitiamo a segnalare all’indirizzo corsi@omceomi.it gli argomenti che potrebbero essere sviluppati in un prossimo futuro, onde poter attuare una programmazione sempre più rispondente al fabbisogno formativo degli iscritti.

Categorie: Giovani Medici, ordine medici milano, Sanita' | Tag: | Lascia un commento

REGISTRAZIONI MEDICO-PAZIENTE, GALLERA: NORMATIVA E’ NAZIONALE

martedì 7 marzo 2017

TAVOLO LAVORO CON ORDINE MEDICI MI PER MIGLIORARE COMUNICAZIONE

“La delibera approvata in Giunta sulle registrazioni medico-paziente non introduce e non legittima niente che non sia gia’ previsto dall’articolo 5 del codice della Privacy per cui non possiamo ignorare che in tutta Italia e’ consentito fare queste registrazioni e nessuno puo’ impedirlo”.

Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera nel corso della discussione, in Consiglio regionale, della mozione ‘Determinazioni in ordine al miglioramento della gestione della documentazione sanitaria, con specifico riferimento alle registrazioni dei pazienti.

TAVOLO LAVORO CON MEDICI – “Siamo tuttavia convinti- ha rimarcato l’assessore- che sia necessaria una piu’ articolata e ampia tutela del medico rispetto alle normative nazionali per consentirgli di essere il piu’ sereno possibile nel rapporto con il proprio paziente. Proprio per questo ieri abbiamo costituito insieme all’Ordine dei Medici di Milano un Tavolo di lavoro per la costruzione di Linee guida che diano indicazioni per una comunicazione sempre piu’ appropriata tra i medici e i pazienti al fine di rafforzarne il legame”.

COMPONENTI COMMISSIONE – “Della Commissione – ha detto Gallera – fanno parte: Dario Vivone, Consigliere giuridico direzione Welfare di Regione Lombardia; Aldo Bellini, responsabile programmazione Polo ospedaliero di Regione Lombardia; Roberto Bollina, direttore sanitario ASST Rhodense; Matteo Stocco, direttore generale ASST di Monza; Massimo Giupponi, direttore generale ATS Brianza; Maurizio Viecca, coordinatore Collegio dei Primari ospedale Sacco; Alan Pampallona, Managing Director di Fondazione Giancarlo Quarta; Martino Trapani, presidente Collegio dei Revisori OMCeOMI(Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano) Ugo Tamborini, consigliere segretario OMCeOMI; Mariagrazia Manfredi, consigliere OMCeOMI”.

Categorie: Giovani Medici, ordine medici milano, Sanita' | Tag: , | Lascia un commento

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA DI COMUNICAZIONE IN SANITÀ

Il giorno 1 marzo, presso la sala Anzalone dell’OMCeOMI si è svolta la conferenza stampa per la presentazione della “Scuola di comunicazione in Sanità”, organizzata dall’Ordine, ASST Rhodense, Associazione Italiana Giornalismo Responsabile e l’Associazione Lampada di Aladino. Presenti l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, il presidente dell’Ordine Roberto Carlo Rossi, il direttore sanitario dell’ASST Rhodense Roberto Bollina, il coordinatore della Scuola Martino Trapani e Davide Toniolo rappresentante dell’Associazione Lampada di Aladino.

La Scuola tratterà di comunicazione in vari contesti: globalizzazione della sanità, medicina legale, web e medicina, comunicazione medico-paziente, compreso l’ambito pediatrico  e costituirà per tutti coloro che vi partecipano uno strumento per migliorare la propria professionalità e questa è uno degli obiettivi che il nostro Ordine persegue: AGGIORNAMENTO, FORMAZIONE, PROFESSIONALITA’.  Questi sono gli strumenti per i medici del futuro!!

Dieci incontri da cui scaturirà il “decalogo del buon medico” che sarà presentato alla Commissione Sanità della Regione Lombardia.

“È sempre più impellente che il medico apprenda una comunicazione efficace a completamento dell’atto terapeutico – affermano Martino Trapani e Roberto Bollina che fanno parte del Comitato Scientifico assieme ad altri esperti del mondo medico e della comunicazione specializzata – per un medico infatti risulta particolarmente difficile semplificare non solo la terminologia utilizzata, ma soprattutto l’approccio squisitamente umano al paziente stesso. Il che diventa ancora più complesso nel caso della comunicazione relativa ad esempio a malattie oncologiche o particolarmente gravi. Quello che ci attendiamo da questo corso è non solo di ottimizzare le relazioni con assistiti e famiglie e di aumentare la consapevolezza del paziente, migliorando anche il livello di soddisfazione e l’adesione ai percorsi terapeutici, ma anche di ridurre le controversie medico-legali e la medicina difensiva in generale, contribuendo a prevenire il logorio psico-fisico dei clinici a cui sono sempre più sottoposti”.

L’iscrizione si può effettuare esclusivamente online tramite il sito www.omceomi.it  dell’Ordine Provinciale dei Medici chirurghi e Odontoiatri di Milano.

 

img_7179

PROGRAMMA SCUOLA COMUNICAZIONE

LIBRETTO SCUOLA COMUNICAZIONE

ARTICOLI STAMPA:

Categorie: Giovani Medici, ordine medici milano, Sanita', sanita' milano, varie | Tag: | Lascia un commento

Scuola di Comunicazione in Sanità – OMCeOMi

L’Ordine Provinciale dei Medici chirurghi e Odontoiatri di Milano con ASST Rhodense in collaborazione con l’Associazione Italiana Giornalismo Responsabile e l’Associazione Lampada di Aladino presenta il corso di aggiornamento professionale dal titolo “Scuola di Comunicazione in Sanità, che si svolgerà in dieci  pomeriggi dalle 14.30 alle 18.00,  dal 15 marzo al 25 ottobre 2017 presso la Sala Conferenze dell’Ospedale di Rho, corso Europa 250, Rho.

La Scuola tratterà di comunicazione in vari contesti: globalizzazione della sanità, medicina legale, web e medicina , comunicazione medico-paziente, compreso l’ambito pediatrico.

La partecipazione alla Scuola è gratuita, I crediti ECM attribuiti sono 21.

L’iscrizione si può effettuare esclusivamente online tramite il sito www.omceomi.it dell’Ordine Provinciale dei Medici chirurghi e Odontoiatri di Milano seguendo le modalità sotto riportate:

  1. SE NON REGISTRATI, registrarsi al sito www.omceomi.it:

cliccare Accedi a dx della home page, quindi selezionare Registrati e seguire le istruzioni

  1. SE REGISTRATI,

effettuare il login, selezionare, nel box ECM, la voce Eventi e cliccare Iscrivimi in corrispondenza dell’evento “Scuola di Comunicazione in Sanità

scuolacomsanordinex2l

scuola-comunicazione-sanitaimpaginato

Categorie: ordine medici milano, Sanita', sanita' milano, varie | Tag: , , | Lascia un commento

CERTIFICATI PER INFORTUNI STRADALI

Una recente nota della Procura della Repubblica richiama l’attenzione dei medici specialisti, di pronto soccorso e di medicina generale sulla compilazione scrupolosa delle certificazioni di malattia e di prolungamento dello stato di malattia relative a sinistri stradali, in particolare dopo la legge 41 del 23/03/2016 che ha introdotto nel nostro ordinamento il reato di lesioni personali stradali gravi o gravissime. Nelllo specifico viene segnalato che una delle fattispecie che integrano il nuovo delitto sussiste allorchè la durata della malattia duri oltre 40 giorni.

copia-lettera-procura-della-procura-certificazioni-infortuni-stradali

http://omceomi.it/news/dettaglio/2017/02/09/certificati-per-infortuni-stradali

Categorie: ordine medici milano, Sanita', sanita' milano, sentenze | Tag: | Lascia un commento

ECM. OBBLIGO FORMATIVO TRIENNIO 2017-2019

La Commissione Nazionale per la Formazione Continua ha deliberato il nuovo obbligo formativo ECM per il triennio 2017-2019. Sono 150 i crediti formativi che i professionisti sanitari devono acquisire fatte salve le decisioni della Commissione in materia di esoneri, esenzioni ed eventuali altre riduzioni. Inoltre i professionisti sanitari che nel precedente triennio (2014-2016) hanno acquisito un numero di crediti compreso tra 121 e 150 hanno diritto alla riduzione di 30 crediti dell’obbligo formativo nel  triennio 2017-2019, e di 15 crediti se hanno acquisito un numero di crediti compreso tra 80 e 120.

com-n-2-_ecm_obbligo-formativo-triennio-2017-19_completamento-obbligo-formativo-triennio-2014-16_prot-

279_11-01-2017

delibera_crediti_triennio_2017-2019dossier_formativo_delibera_4_novembre_2016

Categorie: medici, ordine medici milano, Sanita' | Tag: | Lascia un commento

Antibiotici: siate responsabili

Sommario: La comparsa e la diffusione della resistenza agli antibiotici, ossia della capacità dei batteri di contrastare l’azione di un antibiotico, sono divenute un problema riconosciuto in tutto il mondo. La resistenza agli antibiotici riduce drasticamente il numero di antibiotici disponibili per la cura delle malattie

c_17_opuscoliposter_325_allegato

Categorie: ordine medici milano, ospedali, Salute e Benessere, Sanita', sanita' milano | Tag: | Lascia un commento

Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019, tutte le novità

FONTE MINISTERO SALUTE

Approvato in Conferenza Stato-Regioni il 19 gennaio 2017 il Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019 (PNPV) rappresenta un’opportunità di salute per tutti i cittadini – afferma la ministra Beatrice Lorenzin – La nuova offerta vaccinale contenuta nel Piano si configura come un valido strumento per ridurre le disuguaglianze nel Paese. Nell’attuale panorama politico e di federalismo sanitario, l’emanazione di raccomandazioni nazionali, non calate dall’alto, bensì fortemente condivise sul piano tecnico e politico con le Regioni e Province Autonome, nel rispetto della loro legittima autonomia, rappresenta una garanzia di equità di accesso a prestazioni di uguale qualità su tutto il territorio nazionale e per tutti i cittadini.

Il PNPV 2017-2019 è stato realizzato in stretta collaborazione con tutte le istituzioni coinvolte nelle strategie vaccinali, ovvero Istituto Superiore di Sanità – ISS, Agenzia Italiana del Farmaco – AIFA e Regioni, e con il supporto delle società scientifiche maggiormante attivi nel campo delle vaccinazioni (Società Italiana di Igiene – SItI, Federazione Italiana Medici di Medicina Generale – FIMMG, Federazione Italiana medici Pediatri – FIMP, Società Italiana di Pediatria – SIP).
Il Piano è in attesa di essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Ecco alcune delle priorità del PNPV:

  1. Mantenere lo stato Polio-free
  2. Perseguire gli obiettivi del Piano Nazionale di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita (PNEMoRc) e rafforzare le azioni per l’eliminazione
  3. Garantire l’offerta attiva e gratuita delle vaccinazioni, l’accesso ai servizi e la disponibilità dei vaccini
  4. Prevedere azioni per i gruppi di popolazione difficilmente raggiungibili e con bassa copertura vaccinale (HtRGroups)
  5. Elaborare un Piano di comunicazione istituzionale sulle vaccinazioni.

Nel Piano vengono, inoltre, declinati una serie di obiettivi specifici, inclusi quelli di copertura vaccinale per tutte le vaccinazioni in Calendario.

Il nuovo Piano, oltre alle vecchie vaccinazioni (contro difterite, tetano, polio, epatite B, Hib, pertosse, pneumococco, morbillo, parotite, rosolia, meningococco C nei nuovi nati, HPV nelle ragazze undicenni e influenza nei soggetti di età ≥65 anni) introduce le vaccinazioni anti-meningococco B, anti-rotavirus e antivaricella nei nuovi nati, estende la vaccinazione anti-HPV ai maschi undicenni, introduce la vaccinazione antimeningococcica tetravalente ACWY135 e il richiamo anti-polio con IPV negli adolescenti; prevede le vaccinazioni anti-pneumococco e anti-Zoster nei sessantacinquenni.

Tutti i vaccini contenuti nel nuovo Calendario del PNPV sono stati inseriti nel DPCM di definizione dei nuovi LEA, in attesa di registrazione presso la Corte dei conti e di pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Il PNPV 2017-2019, inoltre, sottolinea il valore etico e sociale delle vaccinazioni e quanto fondamentale sia la condivisione della consapevolezza della loro efficacia nel determinare un guadagno di salute, in primis tra tutti gli operatori sanitari, ma anche nella popolazione generale.

Nel documento viene evidenziato che tale obiettivo è raggiungibile solo con interventi formativi ed educativi mirati, attuati nelle scuole di ogni ordine e grado e nei piani formativi universitari e specialistici delle discipline medico-sanitarie, per cui è stato definito un accordo tra il Ministero della Salute ed il MIUR.

Nel Piano, non da ultimo, viene affrontato il tema della comunicazione da parte dei medici del SSN ai propri assistiti e la comunicazione da parte delle istituzioni centrali, che dovranno essere improntate alla trasparenza e alla profonda conoscenza dei contenuti del PNPV e dei suoi presupposti tecnico-scientifici. Infine, si ricorda come il Piano preveda l’attuazione dell’anagrafe digitalizzata nazionale dei vaccinati, che permetterà di valutare con estrema precisione l’andamento delle coperture, richiamando gli aventi diritto che non ne hanno ancora fruito, all’interno di una strategia di vera offerta attiva.

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=2803

c_17_pubblicazioni_2571_allegato

Categorie: ordine medici milano, ospedali, prevenzione, Sanita', sanita' milano, stili di vita, varie | Tag: , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: