Articoli con tag: Luigi Frati

Fazio: “Andare avanti con l’approvazione del Ddl Omnibus”

 

 

 

 

 

 

 

Da Quotidiano Sanità

09 NOV – “Mi auguro il Parlamento porti a termine l’iter di approvazione del Ddl sulla sperimentazione clinica”. Ad affermarlo è il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, interrogato su quale provvedimento avviato nel corso del suo mandato alla guida del ministero della Salute – ora incerto come il Governo – vorrebbe giungesse a definitiva approvazione.
Il ministro è intervenuto sul tema a margine della mattinata di lavori organizzata al ministero della Salute con il Sigm, il Segretariato dei giovani medici. Ed anche i giovani medici hanno a cuore il futuro del Ddl sulla sperimentazione clinica approvato dalla Camera e ora all’esame del Senato, che infatti contiene anche un articolo che prevede l’assunzione da parte delle strutture del Ssn dei medici agli ultimi due anni di Specializzazione. Un’opportunità per i giovani medici, che tuttavia tengono saldo il pugno sulle condizioni di attuazione di tale opportunità. “I giovani medici – ha spiegato il presidente del Sigm, Walter Mazzucco, a margine dei lavori – non si sottraggono all’assunzione di responsabilità, ma alla base deve esserci un percorso formativo adeguatamente professionalizzante, già a partire dal corso di Laurea”.
Su questo la Sigm intende insistere con tutti i rappresentanti del Governo e del Parlamento, per evitare che l’accelerazione dell’ingresso dei medici nel mondo del lavoro, “introdotto nel Ddl con un emendamento forse solo per logiche economiche, non si traduca in uno sfruttamento dei giovani medici per far fronte alle carenza degli organici esponendo, in assenza di una preparazione adeguata, gli specializzandi a rischi professionali. I tempi legislativi sono lunghi – osserva Mazzucco – e c’è ampia possibilità di migliorare il testo e correggere il tiro”.

http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?approfondimento_id=1299

Categorie: giovani, Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il futuro della formazione in Medicina in Italia: confronto sulla Proposta di Riforma del percorso di formazione universitaria pre e post lauream in Medicina

Cari Colleghi,
il Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.) è un’associazione no profit, aconfessionale ed apartitica, che si è affermata sul territorio nazionale quale principale punto di riferimento per i giovani medici Italiani, come dimostrano i più di 8500 utenti registrati al Portale dei Giovani Medici (www.giovanemedico.it).
Tramite il proprio Dipartimento Specializzandi (S.I.M.S.), il Segretariato da anni propugna l’esigenza di provvedere alla generale rivisitazione ed al riordino del percorso formativo pre e post lauream in medicina, al fine di allinearlo alle esperienze degli altri Paesi dell’Unione Europea

1. Atti audizione S.I.G.M. del 7 aprile 2011 presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato;

2. Relazione S.I.G.M. presso la Conferenza Nazionale FNOMCeO del 2-3 dicembre 2010;

3. Proposte e mozioni del S.I.G.M. presso il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU), il Consiglio Universitario Nazionale (CUN) e l’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica (ONFMS);

4. Manifesto dei Giovani Medici;

5. Proposte del S.I.G.M. per migliorare la condizione dei Giovani Medici Italiani,

instaurando un clima di proficua collaborazione con le Istituzioni che sovrintendono la formazione del medico. A seguito della conferenza stampa di presentazione della Proposta di Riforma del percorso di formazione universitaria pre e post lauream in Medicina, tenuta congiuntamente dai Ministri della Salute e dell’Università, Istruzione e Ricerca a Palazzo Chigi il 28 luglio u.s., condividendo l’opportunità di lavorare
ad una proposta di riforma dell’organizzazione dell’attuale sistema formativo, purchè finalizzata a migliorare gli standard della formazione ed a ridurre i tempi morti che rendono l’accesso al mondo del lavoro da parte dei giovani medici italiani tra i più lunghi in Europa (12-13 anni in media1), il S.I.G.M. si è fatto interprete
dell’esigenza di creare un’occasione di confronto tra le Istituzioni ed i potenziali fruitori dell’ipotesi di riforma.

Il S.I.G.M., pertanto, organizzerà il Workshop dal titolo “Il futuro della formazione in Medicina in Italia: confronto sulla Proposta di Riforma del percorso di formazione universitaria pre e post lauream in Medicina”, rivolto alle rappresentanze degli studenti in medicina e dei medici in formazione specialistica di tutte le Università Italiane, che si terrà in data 9 novembre 2011, dalle ore 14.30 alle ore 18.00, presso l’Aula di Clinica Medica I del Policlinico Umberto I di Roma. Interverranno i Direttori Generali del MIUR e del Ministero della Salute, oltre che i rappresentanti delle Istituzioni accademiche e della Professione. In tale occasione verrà fatto il punto sullo stato di avanzamento dei lavori preparatori della Riforma e sarà possibile intervenire sia per porre tutte le domande relative a contenuti ed aspetti applicativi (modalità e tempi di applicazione, gestione del transitorio, possibilità di optare per la nuova proposta ordinamentale) sia per avanzare proposte migliorative della Proposta di Riforma.

Il S.I.G.M., credendo che il modello partecipativo rappresenti il presupposto per ottenere la condivisione e l’adesione al cambiamento ed all’innovazione introdotti da un processo di riforma, Vi invita pertanto ad intervenire numerosi da tutte le Università al Workshop in oggetto.

Cordiali saluti.

Il Consiglio Esecutivo SIGM

SCARICA QUA LA Lettera DEL workshop SIGM 2011

SCARICA QUA IL Programma preliminare workshop SIGM2011

P.S.: per informazioni sul Workshop (Programma, location, ecc.) si prega di contattare i referenti delle Sedi SIGM, ovvero consultare il Portale dei Giovani Medici (www.giovanemedico.it). Per opzionare la richiesta di intervento nello spazio destinato al dibattito, si chiede di inviare una E-mail a presidente@giovanimedici.com e segretario@giovanemedico.it

Categorie: giovani, Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

SICILIA: A ERICE CORSO PER FUTURI DIRETTORI SANITARI ITALIA

(AGI) – Roma, 8 apr. – Un corso che nasce dall’esigenza di
rappresentare i diversi aspetti caratterizzanti l’attivita’ del direttore
Sanitario negli ospedali italiani. Autorevoli relatori provenienti da
realta’ ospedaliere diverse, ma con esempi d’eccellenza,
permetteranno di portare aspetti gestionali all’attenzione di giovani
medici provenienti dalle scuole di specializzazione in Igiene e
medicina preventiva di tutta la penisola. A Erice si svolgera’ il primo
corso a livello nazionale, recita una nota, come “gestire l’ospedale”,
organizzato dal dipartimento di Scienze di Sanita’ Pubblica
dell’Universita’ Sapienza di Roma. In occasione dell’apertura dei
lavori, tra le autorita’ regionali siciliane e delle associazioni
scientifiche nazionali, la presenza del Rettore dell’Universita’ La
Sapienza, Luigi Frati e’ la dimostrazione dell’impegno ultraventennale
dell’ateneo romano, nella formazione dei diversi Direttori sanitari
attualmente impegnati nella gestione ospedaliera in tutta Italia.
Maurizio Mauri nella prima giornata presentera’ “L’assistenza

ospedaliera presente e futura”, tutto basato sulla creazione di “una

cura non piu’ preventiva ma predittiva”, infatti e’ cambiata la
medicina, sul piano filosofico nell’impostazione da medicina
caritatevole a medicina sociale, sotto il profilo scientifico da medicina
sistematica (che si rifa’ al modello anatomico-funzionale di Virchow) a
medicina molecolare (modello genomico). Tra gli iscritti, molti
specializzandi siciliani, precisamente 21 medici in formazione
specialistica aspiranti direttori sanitari in rappresentanza delle tre
Universita’ siciliane (Palermo, Messina e Catania) che si impegnano a
fornire una formazione aperta a ogni confronto, in termini di
managerialita’ ad altissimo livello. Tra gli organizzatori, un medico in
formazione specialistica in Igiene e Medicina Preventiva Siciliano
Martino Massimiliano Trapani, gia’ impegnato in un percorso
formativo presso la Direzione sanitaria del Policlinico Universitario
Umberto I di Roma, considerato per diverse ragioni, il piu’ complesso
a livello europeo. Sempre, proveniente dalla direzione sanitaria del
Policlinico romano, Emilio Scalise, vicedirettore sanitario, che oltre a
coordinare il gruppo di organizzatori, in qualita’ di esperto in
maxi-emergenze ospedaliere, affrontera’ un argomento purtroppo
divenuto negli ultimi giorni ancora di attualita’, per il terremoto che ha
coinvolto la popolazione abruzzese: la risposta ospedaliera a livello di
medicina delle catastrofi. Ogni ospedale, anche se di piccole
dimensioni, e’ al centro di responsabilita’ difficilmente prevedibili. Il
direttore sanitario e’ un medico, chiamato ad assicurare competenze
multidisciplinari, difficilmente quantificabili in termini di contenuti,
per la continua evoluzione e aggiornamento. A Erice, nel Centro
scientifico Majorana del direttore scientifico Antonino Zichichi, si
produrra’ un contributo scientifico ad altissimo livello.

Categorie: Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Dagli studenti di Roma “profonda tristezza” per la visita del Papa annullata alla Sapienza

La cancellazione della visita del Santo Padre prevista per oggi all’Università ”La Sapienza” è motivo di profonda tristezza per la comunità universitaria. Ad affermarlo è Martino Trapani, Membro del C.d.a Sapienza Università di Roma.

La libertà di parola è un diritto irrinunciabile in un paese civile basato sulla tolleranza e sul rispetto reciproco. Ogni atto che nega tale libertà è inaccetabile.

Esprimo enorme amarezza, aggiunge Trapani, per gli attegiamenti di intolleranza verbale e di comportamenti a cui abbiamo assistito in questi giorni nel nostro ateneo.

E’ inconcepibile che nella più grande università europea sia negato il diritto di parola alla massima autorità religiosa presente nel nostro paese. Tanto piu’ che la laicità è la cifra della civiltà di un Paese, della libertà di espressione, dell’attitudine al confronto. Mi rammarica il fatto che tutto questo sia stato impedito.

Spero che tale episodio non costituisca un pericoloso precedente e sono fiducioso del fatto che il Rettore non farà mancare ancora una volta il suo contributo per rasserenare il clima all’interno nell’Università.

Categorie: Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: