Articoli con tag: SIGM

Sigm, anche giovani medici a tavolo medicina generale ministero

ROMA – Importante riconoscimento per i giovani medici (Sigm) che siederanno a tavolo sulla medicina generale, il cui insediamento è previsto per il 6 agosto presso il ministero della Salute. Al gruppo di lavoro è affidato il compito di affrontare i problemi dell’organizzazione del sistema formativo specifico di medicina generale, ricorda in una nota Sigm, sigla che, insieme alla Simgif, ha promosso mobilitazione nazionale a maggio sulle condizioni dei corsisti di questo settore, «sia per quanto concerne l’attuale status di borsisti, sia in riferimento agli standard formativi dei corsi, che si discostano significativamente da quelli documentati dai sistemi formativi degli altri Paesi Ue».
«Diamo atto pubblicamente al ministero della Salute – dice in una nota Walter Mazzucco, presidente nazionale del Sigm – di essersi fatto interprete dello slancio partecipativo dei giovani medici italiani, di quelli in particolare che riconducono il futuro della professione ad un approccio culturale di sistema e non di parte».
«Registriamo speranzosi – conclude – un significativo segnale di discontinuità rispetto al passato e rivolgiamo pertanto un pubblico appello a tutte le associazioni ed ai singoli colleghi, che si riconoscano in tale impostazione, a dare il proprio contributo al tavolo attraverso la nostra rappresentanza».

Categorie: Giovani Medici | Tag: , | Lascia un commento

II CONFERENZA NAZIONALE SIGM” ROMA, 20-21 APRILE 2012: DIRETTA STREAMING

II CONFERENZA NAZIONALE SIGM” ROMA, 20-21 APRILE 2012: DIRETTA STREAMING

 

http://www.ustream.tv/embed/10638831

Live broadcast by Ustream

Dalle ore 13.30 del 20 Aprile sarà possibile seguire in diretta streaming la II Conferenza Nazionale Giovani Medici, che si terrà a Roma il 20 e 21 Aprile, dal titolo “ESSERE GIOVANI MEDICI NELL’ITALIA E NELL’EUROPA DELLA CRISI: CREDERE NEI NETWORK PER REALIZZARE IL CAMBIAMENTO DA PROTAGONISTI”.

PROGRAMMA DELL’INCONTRO

Categorie: Giovani Medici | Tag: , , , , , , , | Lascia un commento

LETTERA APERTA DEI GIOVANI MEDICI ITALIANI ALL’ITALIA IN CRISI

Cari colleghi,

pubblichiamo la “LETTERA APERTA DEI GIOVANI MEDICI ITALIANI ALL’ITALIA IN CRISI” (scarica la lettera) inviata all’attenzione di

Presidente della Repubblica

Presidente del Consiglio dei Ministri

Presidente del Senato

Presidente della Camera

Ministro della Salute

Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Il Segretariato Italiano Giovani Medici, credendo che le richiamate parole di affetto e stima, rivolte ai giovani dal Presidente del Consiglio dei Ministri nel momento di maggior difficoltà del Paese, fossero la puntuale descrizione della terapia d’urto da attuare per curare la nostra Italia, non può credere né accettare che chi è chiamato al Governo del Paese voglia lasciarsi sfuggire il proprio capitale più prezioso.

I giovani rappresentano il futuro. Un Paese che non investe e non tutela i suoi giovani, ma li lascia andare via è un Paese destinato ad estinguersi.

I Giovani Medici Italiani

Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM)

Categorie: Giovani Medici, ordine medici milano, ospedali, Sanita', sanita' milano | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sanita’ Lombardia: elezioni Ordine medici Milano, vince Riscatto medico


Sanita’ Lombardia: elezioni Ordine medici Milano, vince Riscatto medico

Dati definitivi per Consiglio direttivo

Milano, 28 nov. (Adnkronos Salute) – La lista Riscatto medico esce vincente dalle elezioni dell’Ordine dei medici di Milano. A quanto apprende l’Adnkronos Salute, dopo che si è concluso lo spoglio delle schede per il Consiglio direttivo, “Riscatto medico vince con quasi 2 mila voti” e “un distacco di 1.200 preferenze” dalla lista rivale Arte medica.

“Il nome più votato per Riscatto medico è stato quello di Luciana Bovone (1.947 preferenze)”, mentre “per Arte medica quello di Salvatore Altomare (878 voti)”. Nella stessa lista, vicina a Cl, ha ottenuto invece “821 preferenze” Luca Giuseppe Merlino, il vice del direttore generale della Sanità lombarda Carlo Lucchina. La sua presenza come candidato ha sollevato nelle scorse settimane dure proteste della lista Riscatto medico, che catalizza più forze, ma è complessivamente riconducibile al Sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami) da anni al timone dell’Ordine meneghino. Per la terza forza in campo, la lista Evoluzione medica ritenuta vicina alla Cgil, il nome più votato è stato quello di “Daniela Fantini (178 preferenze)”.

Tre le schede che i medici hanno dovuto barrare nel segreto delle urne: una per il direttivo, una per gli odontoiatri (ha prevalso Arte medica “per 11 voti”) e una per i revisori dei conti. Per quest’ultima lo scrutinio è ancora in corso, ma per ora Riscatto medico sarebbe in vantaggio.

Categorie: Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , | Lascia un commento

ELEZIONI ORDINE DEI MEDICI DI MILANO 19-20-21 NOVEMBRE 2011- ISTRUZIONI DI VOTO E LISTA DA VOTARE

Caro Collega,

Sono Martino Trapani, un giovane collega, Vicepresidente Nazionale del Segretariato Italiano Giovani Medici (www.giovanemedico.it), ti informo che il 19-20-21 Novembre si avrà il rinnovo delle cariche dell’ ordine dei medici di Milano e mi pare corretto informarti, dato che sono candidato come Revisore dei Conti nella Lista RISCATTO MEDICO.

Credo che una Rinascita a 360 gradi della Professione Medica, oggi sempre più svilita e bersagliata da più parti, possa partire solo ed unicamente da una base vogliosa, compatta e soprattutto GIOVANE: è giunta l’ora di riappropriarci della Nostra Professione riprendendoci i giusti spazi che ci competono.

Una nuova sfida ci attende quindi e come sempre l’obiettivo non è solo di vincerla, ma di stravincerla culturalmente in modo tale da poter contare sempre di più. Per raggiungere tale obiettivo è chiaro che serve l’apporto massimo di tutti Noi, senza se e senza ma, incondizionato e scevro da logiche di interesse personale.

 

www.giovanemedico.it

 

Elezioni del Consiglio e del Collegio Revisori dei Conti

19-20-21 Novembre 2011 dalle 9.00 alle 22.00

Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Milano

Programma dei Giovani Medici

 

1. Contrastare il precariato Medico: i giovani medici sono coloro che risentono più di altri della crisi contingente e che con difficoltà riescono ad entrare nel mondo del lavoro, con tutte le conseguenze del caso: incertezze nella sfera privata, mancanza di progettualità e crescita professionale, problemi nella maturazione della pensione. Attraverso l’Ordine si cercherà di sollecitare la Regione Lombardia in modo che si possa procedere a bandire concorsi di dirigente medico presso le strutture del SSR.

 

2. Vigilare che gli onorari e i contratti siano compatibili con il decoro professionale, perché venga garantita una prestazione etica a tutela del cittadino;

 

3. Difendere l’immagine della professione medica promuovendo e supportando iniziative che rendano più visibile, nei confronti dell’utenza e delle strutture sanitarie, la qualità e l’eccellenza professionale;

4. Promuovere la contrattualizzazione dei Medici in formazione specifica di Medicina Generale riconoscendo loro i diritti fondamentali (retribuzione, malattia, gravidanza) al pari dei Medici specializzandi;

5. Collaborare all’attività dell’Osservatorio Regionale per la Formazione Specialistica indispensabile a garantire una preparazione professionale adeguata per accedere alla realtà lavorativa ospedaliera;

6. Migliorare la formazione dei futuri Medici per renderla veramente adeguata allo standard europeo implementando la collaborazione con l’Università;

7. Difendere i diritti della donna Medico con particolare attenzione alla gravidanza e alla maternità;

8. Studiare ed attuare forme di tutela assicurativa di categoria e di assistenza legale mediata dall’istituzione ordinistica;

9. Ridurre la quota per giovani Medici nei primi tre anni di iscrizione all’Ordine professionale;

VOTA

TUTTI I NOMINATIVI DELLA LISTA indicando anche solo il NUMERO DI ISCRIZIONE ALL’ ALBO per evitare omonimie e quindi l’annullamento della preferenza.

15 nomi per il Consiglio Direttivo e 4 nomi per i Revisori dei Conti

n° albo

Consiglieri

ATTIVITA’

21203

Bonfiglio Giuseppe Medico Ospedaliero
     19478 Bovone Luciana Maria Medico di Medicina Generale

40763

Campolongo Giovanni Medico di Continuità Assistenziale

18748

Canto Giovanni Medico di Medicina Generale

28531

Di Caprio Luigi Medico di Medicina Generale

16461

Gala Costanzo Medico Ospedaliero

26123

Manfredi Maria Grazia Medico di Medicina Generale

20359

Marino Pietro Medico Ospedaliero

31351

Migliorini  Arnaldo Stanislao Medico Legale

30801

Parise Massimo Libero Professionista Odontostomatologo

17649

Pochintesta Giordano Pietro Medico Pensionato ENPAM

29650

Rossi Roberto Carlo Medico di Medicina Generale

13215      

Scanni Alberto Medico Oncologo

28105

Tamborini Ugo Giovanni Medico di Medicina Generale  Agopuntore

20923

Zocchi Maria Teresa Medico di Medicina Generale

n° albo

Revisori dei Conti

33572

Brundusino Giuseppe Medico di Medicina Generale

15060

Pallaroni  Maria Elena Specialista Ambulatoriale

 42055       

Trapani Martino GIOVANE MEDICO

n° albo

Revisore Supplente

18691

 Pignedoli Tito

Medico di Medicina Generale


Ricorda che si vota presso l’ Ordine dei Medici di Milano sito in via Lanzone n.31,

19-20-21 Novembre 2011 dalle 9.00 alle 22.00

 

Il Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.), realtà che negli ultimi anni si è affermata sul territorio nazionale quale associazione di riferimento per i giovani medici (under 40), si propone all’attenzione della comunità medica Italiana in qualità di organizzazione associazionistica che si prefigge di portare a sintesi le istanze dei Giovani Medici Chirurghi Italiani. Le iniziative a firma SIGM nel corso degli anni sono state molteplici, a partire dalla primissima creazione del “Manuale del Giovane Medico”, nel quale sono reperibili tutte le informazioni di riferimento per quanti si affacciano alla professione medica. Da ricordare inoltre la rivista sul web, “Capsula Eburnea”, che pubblica articoli scientifici originali su argomenti di medicina, biomedicina, biotecnologie mediche, scienze motorie e psicologia medica. Da poco abbiamo anche la Rivista dei Giovani Medici, che viene distribuita in maniera cartacea ma è anche possibile scaricarla dal portale stesso. Tutte le produzioni edite dal S.I.G.M. sono disponibili on line sul Nostro Portale, http://www.giovanemedico.it. Rimanendo nel mondo del web, il S.I.G.M. è ovviamente presente anche a livello di tutti i principali social network che oggi lo popolano (Facebook, Linkedin, Twitter, Dottnet, etc.) Un’attività pertanto tondo sempre a sostegno della crescita professionale seguendo linee di condotta etico-morali irreprensibili variegata e a tutto e con cardini imprescindibili quali l’esser un’Associazione apartitica, aconfessionale e priva di fini di lucro.

Qui a Milano (una delle 27 sedi dislocate sul territorio nazionale) nella fattispecie risulta esser candidato per il Collegio dei Revisori dei Conti il collega Dott. Martino Trapani, che tutti o quasi tutti conoscono per la sua abnegazione mai venuta meno nei confronti dell’Associazione di cui risulta essere al momento il Vice Presidente Nazionale Vicario.

                   nella foto: Martino Trapani (Vicepresidente Nazionale Segretariato Italiano Giovani Medici)

Crediamo che una Rinascita a 360 gradi della Professione Medica, oggi sempre più svilita e bersagliata da più parti, possa partire solo ed unicamente da una base vogliosa, compatta e soprattutto giovane: è giunta l’ora di riappropriarci della Nostra Professione riprendendoci i giusti spazi che ci competono e lavorando con estremo profitto anche in ambiti un tempo lontani dai destini dei nostri colleghi più anziani.

Una nuova sfida ci attende quindi e come sempre l’obiettivo non è solo di vincerla, ma di stravincerla culturalmente in modo tale da poter contare sempre di più. Per raggiungere tale obiettivo è chiaro che serve l’apporto massimo di tutti Noi, senza se e senza ma, incondizionato e scevro da logiche di interesse personale.

Candidato per i Giovani Medici MARTINO TRAPANI (al Collegio dei Revisori dei Conti)  

Sito: https://trapanimartino.wordpress.com

Email: trapanimartino@yahoo.it

Cari amici sotto trovate il materiale elettorale che vi serve per sostenerci.

SCARICA QUI IL PROGRAMMA GIOVANI MEDICI MILANO (MODALITA’ DI VOTO)

SCARICA QUI IL SANTINO SIGM (ISTRUZIONI DI VOTO)

ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK ELEZIONI ORDINE DEI MEDICI DI MILANO

ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK GIOVANI MEDICI – SIGM MILANO

VEDI IL SITO DELLA LISTA  PER L’ ORDINE DEI MEDICI DI MILANO RISCATTO MEDICO

VEDI I CURRICULA DEI CANDIDATI DI RISCATTO MEDICO

VEDI IL PROGRAMA ESTESO DELLA LISTA RISCATTO MEDICO

VEDI IL NOSTRO TESTIMONIAL

VEDI LA LISTA RISCATTO MEDICO

VEDI COME E QUANDO VOTARE

GRAZIE DEL TUO AIUTO

Rimango a tua disposizione

Chi vuole sostenermi in questa nuova sfida, chiedo di inviarmi un email a trapanimartino@yahoo.it

indicando nell’ oggetto:“sostegno campagna elettorale milano”

Il proprio contatto personale, cosi’ da essere ricontattato per incontrarci e conoscerci di persona nei giorni delle votazioni (19-20-21 Novembre) presso l’ ordine dei medici in via Lanzone n.31.

 

Martino Trapani – 42055

BREVE CURRICULUM MARTINO TRAPANI.

Nato ad Erice (TP) l’11 aprile 1981, si laurea in Medicina e Chirurgia e si specializza in Igiene e Sanità Pubblica presso la Sapienza Università di Roma. E’ stato membro del Consiglio d’Amministrazione Sapienza Università di Roma per il triennio 2004-2007, come rappresentante degli studenti. Attualmente ricopre la carica di Vicepresidente Nazionale Vicario (S.I.G.M.) del Segretariato Italiano Giovani Medici. Ha lavorato presso la Direzione Sanitaria del Policlinico Umberto I di Roma, dell’ASL N.9 di Trapani e dell’Ospedale Niguarda Cà Granda di Milano e attualmente presso l’Ospedale Fatebenefratelli di Milano. Ha ricevuto l’encomio dal Consolato Generale d’Italia a Londra nel periodo di pandemia della febbre suina (virus A/H1N1), per aver programmato ed attivato un piano d’emergenza all’interno del college Aston University di Birmingham (UK). Componente della Commissione Giovani Medici dell’Ordine dei Medici di Milano e Provincia. E’ stato ideatore e promotore della Rivista dei Giovani Medici a cura del S.I.G.M con 10.000 copie bimestrali su tutto il territorio nazionale.

Categorie: giovani, Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita', varie | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Ecco il video del Workshop dei Giovani Medici sulla Formazione in Medicina

Ecco il video del Workshop dei Giovani Medici sulla Formazione in Medicina

Clicca qui per vedere il Video Workshop Giovani Medici

Categorie: giovani, Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Fazio: “Andare avanti con l’approvazione del Ddl Omnibus”

 

 

 

 

 

 

 

Da Quotidiano Sanità

09 NOV – “Mi auguro il Parlamento porti a termine l’iter di approvazione del Ddl sulla sperimentazione clinica”. Ad affermarlo è il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, interrogato su quale provvedimento avviato nel corso del suo mandato alla guida del ministero della Salute – ora incerto come il Governo – vorrebbe giungesse a definitiva approvazione.
Il ministro è intervenuto sul tema a margine della mattinata di lavori organizzata al ministero della Salute con il Sigm, il Segretariato dei giovani medici. Ed anche i giovani medici hanno a cuore il futuro del Ddl sulla sperimentazione clinica approvato dalla Camera e ora all’esame del Senato, che infatti contiene anche un articolo che prevede l’assunzione da parte delle strutture del Ssn dei medici agli ultimi due anni di Specializzazione. Un’opportunità per i giovani medici, che tuttavia tengono saldo il pugno sulle condizioni di attuazione di tale opportunità. “I giovani medici – ha spiegato il presidente del Sigm, Walter Mazzucco, a margine dei lavori – non si sottraggono all’assunzione di responsabilità, ma alla base deve esserci un percorso formativo adeguatamente professionalizzante, già a partire dal corso di Laurea”.
Su questo la Sigm intende insistere con tutti i rappresentanti del Governo e del Parlamento, per evitare che l’accelerazione dell’ingresso dei medici nel mondo del lavoro, “introdotto nel Ddl con un emendamento forse solo per logiche economiche, non si traduca in uno sfruttamento dei giovani medici per far fronte alle carenza degli organici esponendo, in assenza di una preparazione adeguata, gli specializzandi a rischi professionali. I tempi legislativi sono lunghi – osserva Mazzucco – e c’è ampia possibilità di migliorare il testo e correggere il tiro”.

http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?approfondimento_id=1299

Categorie: giovani, Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Formazione in Medicina. Oggi confronto Miur-Salute-Giovani medici su decreti di riforma

I giovani medici chiedono meno anni di Specializzazione e riduzione dei tempi tra tesi di Laurea ed esame di abilitazione. Mazzucco (Sigm): “La formazione è questione di qualità, non di quantità di anni”. Fazio: “Futuri governi non interrompano le importanti riforme”.

Da Quotidiano Sanità

09 NOV – “L’attuale sistema formativo in Medicina è incivile. Lo è per i giovani medici e per il Ssn, quindi per i cittadini”. Ad affermarlo è Walter Mazzucco, presidente del Segretariato dei Giovani Medici (Sigm), a margine di un incontro su medicina generale e formazione organizzato stamani al ministero della Salute. Un confronto che proseguirà nel pomeriggio con un workshop al Policlinico Umberto I di Roma nel corso del quale i giovani medici si confronteranno con i tecnici del ministero della Salute e del Miur sulle bozze di decreti per riformare il percorso formativo dei medici e ridurne i tempi. Perché, sottolinea Mazzucco, “la formazione è questione di qualità, non di quantità”.

Un tema, quello della formazione, che il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ha detto di avere “particolarmente a cuore, perché la formazione è il cuore del sistema”. Ma che secondo il Sigm, oggi, è “inadeguata” e “ingiustificatamente lunga”.

Tra corso di Laurea, tirocinio ed esame di abilitazione, e Specializzazione si tratta di almeno 11 anni. Come stabilito, secondo Mazzucco, “da vecchie leggi che forse, in un periodo di sovraccarico di professionalità mediche, cercavano di ritardare l’accesso al mondo del lavoro”.
Come deve essere, allora, una formazione di qualità secondo il Sigm? “Di qualità è una formazione incardinata in una rete formativa legata all’ospedale ma anche al territorio fin dal corso di Laurea in Medicina. Una formazione che – ha aggiunto Mazzucco – metta il giovane medico in contatto con tutte le articolazioni del sistema sanitario, garantendo un’attività professionalizzante di elevata qualità”.

Tutto questo dovrebbe essere contenuto nei decreti a cui il Miur sta lavorando e che, “da quanto ci è stato annunciato, recepiscono le nostre proposte” che consistono nella riqualificazione ma anche nella contrazione degli anni di formazione attraverso l’eliminazione di tempi morti e disservizi”, afferma Mazzucco. Tra le proposte della Sigm, la riduzione della durata dei corsi di specializzazione e il conseguente accantonamento di risorse da utilizzare per finanziare contratti aggiuntivi, ma anche la riduzione del periodo che intercorre tra la discussione della tesi di Laurea e l’esame di abilitazione. “Il tirocinio professionalizzante – spiega Mazzucco – dovrebbe essere svolto durante il corso di Laurea e l’esame di abilitazione essere contestuale alla discussione della tesi o previsto dopo pochi giorni”. Questo, secondo il presidente del Sigm, “permetterebbe anche di dare allo studente di medicina una visione ampia della medicina e delle sue articolazioni, compresa la medicina generale”.

Sulla medicina generale, infatti, si è concentrata la mattinata di lavori presso il ministero della Salute, nel corso della quale è stata lanciata la prima Survey sulle condizioni dei giovani medici di Medicina generale, promossa dalla Sigm e dal Movimento Giotto, che raccoglie i medici di medicina generale in attesa di convenzione con il Ssn. Il questionario sarà proposto via web ai giovani camici bianchi in formazione o già in possesso di diploma. I risultati dovrebbero fare emergere forti criticità e poco ottimismo da parte dei giovani medici, come già emerso d’altra parte in mattinata nel corso degli interventi di Walter Mazzucco e di Antonia Colicchio, presidente del Movimento Giotto.

Il ministro Fazio, però, si è detto ottimista sul futuro della medicina generale. “Importanti esempi di come si stia sviluppando arrivano già dalla Lombardia e dalla Toscana”, ha detto il ministro citando i progetti sperimentali avviati nelle due Regioni per la presa a carico dei pazienti affetti da alcune specifiche patologie croniche, ad esempio il diabete. “Si è inoltre chiuso il tavolo di lavoro sulla riforma del sistema di emergenza-urgenza che presto porteremo in Stato-Regioni e che prevede lo spostamento di codici bianchi e verdi dal Pronto Soccorso al territorio”. Una divisione “non solo spaziale, ma anche di gestione professionale”, ha sottolineato Fazio. Saranno i medici di medicina generale a dover assistere i codici bianchi e verdi, secondo quanto previsto dalla riforma.

Il ministro ha quindi auspicato che da parte dei futuri governi ci sia la responsabilità a portare avanti i gli importanti progetti avviati per la riorganizzazione del sistema sanitario, a partire proprio dal potenziamento della “medicina territoriale”. Area del Ssn che, secondo la Sigm, il Movimento Giotto e il presidente dell’Ordine di Roma, Mario Falconi, presente ai lavori, resta ancora la cenerentola del Ssn e della formazione in Medicina.

Secondo Fazio i tempi sono maturi e il pensionamento di un gran numero di medici, in questa fase di trasformazione, “non è una cattiva notizia”. “La disaffezione nei confronti della medicina generale – ha detto il ministro – è legata anche all’immagine di un medico che lavora alla vecchia maniera. Una maniera che non è più sufficiente né congrua alle esigenze del sistema, che ha bisogno di integrazione ospedale-territorio, di spostare sul territorio alcune tecnologie, e che chiede al medico di medicina generale di farsi carico delle diagnosi di I livello ma sapere interpretare anche quelle di II livello. Di avere dimestichezza con la telemedicina, di sapere costruire i percorsi terapeutici e garantire la continuità assistenziale”. Una nuova medicina territoriale che, secondo il ministro, saprà essere anche più appetibile alle nuove generazioni di studenti in Medicina.

http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=5998

Categorie: Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , | Lascia un commento

Sanita’:giovani medici, questionario indaga su soddisfazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(ANSA) – ROMA, 9 NOV – Indagare in merito al gradimento dei giovani medici sul percorso di formazione in medicina generale e, una volta ottenuti i risultati, sollecitare le istituzioni elaborando insieme proposte per migliorare la condizione formativa e occupazionale dei giovani medici. Sono questi gli obiettivi che si pone il questionario (somministrato via web) messo a punto dal Segretariato italiano Giovani Medici (Sigm) e dal Movimento Giotto, presentato questa mattina nel corso di un incontro che si e’ svolto nella sede del ministero della Salute.

“Spesso per molti govani il corso di formazione specifica in medicina generale e’ considerato un ripiego rispetto a quello sulla specialistica – ha spiegato Walter Mazzucco, presidente Sigm – per questo abbiamo voluto costruire uno strumento che ci dara’ la possibilita’ di acquisire dati indipendenti sul grado di motivazione e di soddisfazione in tema di formazione specifica in Medicina Generale dei futuri medici di famiglia italiani”. La formazione, ha aggiunto il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, intervenendo alla presentazione, “e’ il cuore del sistema e noi siamo convinti che in futuro non ci sara’ piu’ posto per la vecchia figura del medico di famiglia, che d’ora in avanti dovra’ essere in grado di lavorare in associazione, dovra’ essere in grado di fare indagini di I ma anche di II livello ed avere dimestichezza con le tecnologie della telemedicina”. In sostanza, ha concluso il ministro, il nuovo medico di famiglia “dovra’ essere responsabile del percorso di cura del paziente, garantendo in tal modo la continuita’ assistenziale tra ospedale e territorio”. (ANSA).

Categorie: Giovani Medici, Offerte di Lavoro, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , | Lascia un commento

Il futuro della formazione in Medicina in Italia: confronto sulla Proposta di Riforma del percorso di formazione universitaria pre e post lauream in Medicina

Cari Colleghi,
il Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.) è un’associazione no profit, aconfessionale ed apartitica, che si è affermata sul territorio nazionale quale principale punto di riferimento per i giovani medici Italiani, come dimostrano i più di 8500 utenti registrati al Portale dei Giovani Medici (www.giovanemedico.it).
Tramite il proprio Dipartimento Specializzandi (S.I.M.S.), il Segretariato da anni propugna l’esigenza di provvedere alla generale rivisitazione ed al riordino del percorso formativo pre e post lauream in medicina, al fine di allinearlo alle esperienze degli altri Paesi dell’Unione Europea

1. Atti audizione S.I.G.M. del 7 aprile 2011 presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato;

2. Relazione S.I.G.M. presso la Conferenza Nazionale FNOMCeO del 2-3 dicembre 2010;

3. Proposte e mozioni del S.I.G.M. presso il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU), il Consiglio Universitario Nazionale (CUN) e l’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica (ONFMS);

4. Manifesto dei Giovani Medici;

5. Proposte del S.I.G.M. per migliorare la condizione dei Giovani Medici Italiani,

instaurando un clima di proficua collaborazione con le Istituzioni che sovrintendono la formazione del medico. A seguito della conferenza stampa di presentazione della Proposta di Riforma del percorso di formazione universitaria pre e post lauream in Medicina, tenuta congiuntamente dai Ministri della Salute e dell’Università, Istruzione e Ricerca a Palazzo Chigi il 28 luglio u.s., condividendo l’opportunità di lavorare
ad una proposta di riforma dell’organizzazione dell’attuale sistema formativo, purchè finalizzata a migliorare gli standard della formazione ed a ridurre i tempi morti che rendono l’accesso al mondo del lavoro da parte dei giovani medici italiani tra i più lunghi in Europa (12-13 anni in media1), il S.I.G.M. si è fatto interprete
dell’esigenza di creare un’occasione di confronto tra le Istituzioni ed i potenziali fruitori dell’ipotesi di riforma.

Il S.I.G.M., pertanto, organizzerà il Workshop dal titolo “Il futuro della formazione in Medicina in Italia: confronto sulla Proposta di Riforma del percorso di formazione universitaria pre e post lauream in Medicina”, rivolto alle rappresentanze degli studenti in medicina e dei medici in formazione specialistica di tutte le Università Italiane, che si terrà in data 9 novembre 2011, dalle ore 14.30 alle ore 18.00, presso l’Aula di Clinica Medica I del Policlinico Umberto I di Roma. Interverranno i Direttori Generali del MIUR e del Ministero della Salute, oltre che i rappresentanti delle Istituzioni accademiche e della Professione. In tale occasione verrà fatto il punto sullo stato di avanzamento dei lavori preparatori della Riforma e sarà possibile intervenire sia per porre tutte le domande relative a contenuti ed aspetti applicativi (modalità e tempi di applicazione, gestione del transitorio, possibilità di optare per la nuova proposta ordinamentale) sia per avanzare proposte migliorative della Proposta di Riforma.

Il S.I.G.M., credendo che il modello partecipativo rappresenti il presupposto per ottenere la condivisione e l’adesione al cambiamento ed all’innovazione introdotti da un processo di riforma, Vi invita pertanto ad intervenire numerosi da tutte le Università al Workshop in oggetto.

Cordiali saluti.

Il Consiglio Esecutivo SIGM

SCARICA QUA LA Lettera DEL workshop SIGM 2011

SCARICA QUA IL Programma preliminare workshop SIGM2011

P.S.: per informazioni sul Workshop (Programma, location, ecc.) si prega di contattare i referenti delle Sedi SIGM, ovvero consultare il Portale dei Giovani Medici (www.giovanemedico.it). Per opzionare la richiesta di intervento nello spazio destinato al dibattito, si chiede di inviare una E-mail a presidente@giovanimedici.com e segretario@giovanemedico.it

Categorie: giovani, Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

FAI PARTE ANCHE TU DEI GIOVANI MEDICI DI MILANO !!

Caro Collega,

Ti senti solo e abbandonato dalle Istituzioni e nessuno ti dice cosa fare dopo la Laurea?

Cerchi un gruppo di colleghi e amici con cui condividere dubbi ed esperienze professionali quotidiane?

Hai idee, suggerimenti e vuoi dire la tua e nessuno ti ascolta?

ALLORA  UNISCITI A NOI ! ! !

ENTRA A FAR PARTE DEL SEGRETARIATO ITALIANO GIOVANI MEDICI (S.I.G.M.) DELLA SEDE DI MILANO ! ! !

Il Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.), realtà che negli ultimi anni si è affermata sul territorio nazionale quale associazione no-profit di riferimento per  giovani  under 40, si propone all’attenzione della comunità medica Italiana in qualità di realtà associazionistica che si prefigge di portare a sintesi le istanze dei Giovani Medici Chirurghi Italiani.

il S.I.G.M. offre servizi, in termini di formazione, occasioni di lavoro e perfezionamento in Italia ed all’Estero, di accesso alla ricerca scientifica, senza mancare di curare una corretta informazione e formazione sugli aspetti tecnico legislativi e di intervenire attivamente e criticamente sulle Politiche sanitarie, professionali e previdenziali.

CLICCA SOTTO PER SCARICARE IL MODULO DI ISCRIZIONE GRATUITO DEL SEGRETARIATO ITALIANO GIOVANI MEDICI DELLA SEDE DI MILANO.

MODULO_ISCRIZIONE_SIGM SEDE DI MILANO 2011

dopo aver compilato e firmato il modulo invialo per email a: luigigianturco@giovanemedico.it

ISCRIVITI SUL GRUPPO FACEBOOK GIOVANI MEDICI MILANO

AGGIUNGI COME AMICO GIOVANI MEDICI MILANO SU FACEBOOK

Per info:

Presidente S.I.G.M. Sede di Milano Dr. Luigi Gianturco                        email: luigigianturco@giovanemedico.it

Vice-Presidente S.I.G.M. Sede di Milano Dr. Alessio Angileri                      email: alessioangileri@gmail.com

www.giovanemedico.it

Categorie: giovani, Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La Regione Lombardia incontra i Giovani Medici

Si è svolto in data 9 Giugno 2011 presso l’Assessorato alla Salute della Regione Lombardia un incontro tra i vertici del Sistema Salute lombardo ed una Delegazione del Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.).

Erano presenti l’Assessore Regionale alla Salute della Regione Lombardia, Dott. Luciano Bresciani ed il Direttore Generale Dott. Carlo Lucchina, il Vice Presidente Nazionale Vicario del SIGM, Dott. Martino Massimiliano Trapani, il Presidente Provinciale del SIGM Milano, Dott. Luigi Gianturco, il referente per la Comunicazione del SIGM Milano, Dott. Matteo Giuffrida, ed il Responsabile della sede SIGM di Bergamo, Dott. Antonino Puccio.

Numerose le tematiche trattate, di rilievo prospettico per il futuro dei Giovani Medici Lombardi, e di seguito schematizzate:

  • Coinvolgimento dei delegati del S.I.G.M. sia nei Tavoli tecnici, sia nei progetti/programmi di sviluppo di interesse per la categoria, istituiti dall’Assessorato Regionale della Salute;
  • Lavoro: impegno da parte dei vertici dell’Assessorato a recepire la proposta del SIGM di istituzione di un Osservatorio Regionale sulla condizione occupazionale dei giovani medici con il compito di ottenere un quadro completo ed aggiornato dei medici in attività sul territorio regionale, nonché delle tipologie di contratti e di rapporti di lavoro stipulati nel pubblico e nel privato, di documentare eventuali carenze di professionalità e pianificare azioni adattative in funzione del bisogno di salute, che è in continuo divenire;
  • Contratti a tempo indeterminato per i Dirigenti Medici: la Regione ha preso impegno,  che a partire da settembre partirà il piano di assunzioni per i Dirigenti Medici con contratti a tempo indeterminato. In dettaglio, nel 2011 Ospedali e Asl della Lombardia assumeranno complessivamente 941 nuovi medici. Si tratta di 816 Dirigenti per Aziende ospedaliere, Fondazioni IRCCS di diritto pubblico e Areu e 125 Dirigenti per le Asl;
  • Un impegno di monitoraggio e vigilanza della retribuzione di prestazioni sanitarie dei medici nella Sanità Privata Lombarda;
  • Formazione: organizzazione di corsi ECM (da attivarsi anche tramite piattaforme FAD) con particolare riferimento alle cosiddette non technical skills sulla base dei bisogni formativi individuati dai Giovani Medici;

 

Piena soddisfazione per l’esito dell’incontro è stata espressa dalla delegazione dei Giovani Medici- SIGM Lombardia.

Categorie: Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

GIOVANI MEDICI “PREVIDENTI”: IMPARIAMO A COSTRUIRCI IL FUTURO PENSIONISTICO

In riconoscimento dell’impegno profuso negli anni in tema di previdenza, l’Associazione dei Giovani Medici – S.I.G.M. è stata invitata a rappresentare le istanze previdenziali dei Giovani Medici Italiani nel corso del Convegno Nazionale, organizzato a cura dell’Associazione degli Enti Previdenziali Privati (AdEPP) e della FondazioneENPAM (Ente previdenziale di riferimento dei medici), dal titolo “UN GIORNO PER IL FUTURO” PROBLEMI E OPPORTUNITA’ PER LE GIOVANI GENERAZIONI DI PROFESSIONISTI DI COSTRUIRSI UNA PENSIONE (scarica il programma), che si terrà a Roma in data 25 maggio 2011 presso l’ AULA I CLINICA MEDICA POLICLINICO “UMBERTO I” UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “SAPIENZA”, nell’ambito della Giornata Nazionale di sensibilizzazione dei Giovani alla tematica previdenziale, promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Nel corso del Convegno il S.I.G.M. presenterà al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali le Proposte dei Giovani Medici in tema di previdenza e chiederà che Governo e Legislatore intervengano al fine di modificare le normative vigenti nel senso di

1)   –  agevolare il riscatto degli anni di laurea per i giovani medici, attualmente estremamente oneroso e difficoltoso

2)    – semplificare l’attuale inquadramento previdenziale dicotomico dei giovani medici in formazione specialistica in quello esclusivo in ENPAM, eliminando il duplice livello contributivo che vincola gli specializzandi al versamento di improduttivi contributi all’INPS e prevedendo al contempo il recupero dei contributi già versati all’INPS dall’anno accademico 2006/2007 ad oggi, per trasferirli all’ENPAM, con evidenti vantaggi in termini di totalizzazione.

Da anni infatti il Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.) è impegnato nello studio della complessa tematica previdenziale, cercando di elaborare proposte volte a contrastare la drammatica previsione di un incerto futuro previdenziale per le giovani generazioni, ed in particolare per la categoria dei medici, che presenta peculiarità che aggravano ulteriormente il quadro previdenziale generale di riferimento per tutte le professioni. In tutti i Congressi Nazionali celebrati dal S.I.G.M., infatti, sono state previste delle apposite sessioni tematiche sulla Previdenza, nel corso delle quali sono stati fatti degli approfondimenti ad opera di illustri relatori competenti in materia, primariamente rivolti a rendere fruibile il complesso istituto previdenziale. Non è un caso, ad esempio, che, già a fine 2008 il nostro Segretariato sia stato in grado di occuparsi con successo della problematica posta in essere dall’INPS, laddove questi introduceva unilateralmente l’obbligo per lo specializzando di corrispondere una maggiore ed iniqua aliquota contributiva. La vicenda, culminata in una partecipata manifestazione a Roma innanzi al Ministero del Lavoro, organizzata dal S.I.G.M. e dalle altre associazioni di categoria, si è risolta nel ritiro da parte dell’INPS della circolare contestata dai giovani medici specializzandi, anche sulla base del supporto tecnico-politico da parte dei vertici dell’ENPAM.

È necessario che le giovani generazioni, ad ogni livello, si riapproprino del loro futuro per cercare di porre rimedio alle politiche gerontocratiche assunte in passato e che sono state alla base della rottura del patto intergenerazionale, i cui effetti si stanno ripercuotendo sul nostro presente e, in mancanza di interventi urgenti, si ripercuoteranno in maniera ingravescente sul nostro futuro.

Per Info: www.giovanemedico.it

Registratevi sul Portale dei Giovani Medici per ricevere tutte le news di Sanità e opportunità di Lavoro.

Categorie: Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , | Lascia un commento

NUMERO CHIUSO A MEDICINA: TENERLO O ABOLIRLO? MARTINO TRAPANI E ALBERTO ZANGRILLO -IL DIBATTITO – www.giovanemedico.it

Categorie: Giovani Medici, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sigm, per l’occupazione dei medici occorre istituire osservatori regionali

Da Dottnet di Silvio Campione

Istituire Osservatori regionali per monitorare lo stato occupazionale dei medici, programmando di conseguenza l’accesso alla formazione universitaria; anticipare l’abilitazione dei camici bianchi, cosi’ da accelerare l’ingresso di nuovo personale nelle corsie ospedaliere.
Queste, in sintesi, le proposte del Segretariato italiano giovani medici (Sigm) per fronteggiare la carenza di medici prospettata piu’ volte dalla Federazione nazionale degli Ordini e sotto i riflettori nelle ultime settimane in Lombardia, dove entro il 2015 verra’ perso il 40% dei dottori attualmente in servizio.

Un’emergenza che riguarda tutto il Pese e che secondo il Sigm richiede l’attivazione di un tavolo tecnico ad hoc tra i ministeri della Salute e dell’Istruzione, universita’ e ricerca, per discutere ed elaborare una proposta di riordino complessivo del sistema.
Dopo la provocazione lanciata dall’assessore lombardo alla Sanita’ Luciano Bresciani, che sta studiando insieme ai presidi alcune ipotesi per rivedere i limiti all’accesso alle Facolta’ di medicina, e dopo la diffida indirizzata al Miur dal Codacons, che invita il ministro Gelmini ad abolire il numero chiuso per “far cessare gli effetti lesivi del diritto allo studio e alle professioni”, il Sigm sostiene che “non e’ l’abolizione del numero chiuso la soluzione alla carenza di medici in Italia. Le ragioni di tale fenomeno – spiega in una nota – sono riconducibili a una non ottimale programmazione del fabbisogno di professionalita’ mediche, unitamente all’attesa media di occupazione pari a 15-16 anni (non includendo i limiti alle assunzioni imposti dai Piani di rientro) per uno studente italiano che si iscrive al primo anno di Medicina“.  “Quello medico – osserva il Sigm – e’ l’unico ambito in cui il diritto allo studio trova un limite naturale nel diritto alla salute dei cittadini”. E “lo dimostra – continua il comunicato – l’esperienza del fenomeno della ‘pletora medica’ conseguente all’accesso incontrollato alle Facolta’ mediche, registratosi tra gli anni ’80 e ’90: il sovradimensionamento del contingente di medici, sia per la mancanza di spazi occupazionali sia per la non sempre qualitativamente ottimale formazione conseguente a oggettivi problemi di carattere organizzativo, ha creato una generazione di medici che hanno progressivamente perduto le motivazioni iniziali che li avevano spinti ad intraprendere l’impegnativo percorso della medicina; tutto cio’ a discapito della qualita’ delle prestazioni erogate e quindi della salute dei cittadini”.Secondo il Segretariato italiano giovani medici, “la programmazione quali-quantitativa delle professionalita’ mediche deve essere funzione del bisogno di salute espresso dalla popolazione e non delle potenzialita’ formative delle universita’”. A riguardo, dunque, il Sigm propone l’istituzione di Osservatori regionali per monitorare lo stato occupazionale dei medici, perche’ “e’ sempre piu’ necessario dotare le Regioni di strumenti intelligibili per effettuare una programmazione coerente e che abbia capacita’ di adattarsi all’evoluzione continua del dato epidemiologico”.
Al contempo, “si dovrebbe procedere al generale riordino del sistema formativo-professionalizzante del medico, dal corso di laurea in medicina al post-lauream, allineando al contesto Ue i tempi medi di ingresso dei medici italiani nel mondo del lavoro. Cio’ anche al fine di contenere il trend in ascesa di giovani medici italiani che emigrano all’estero non soltanto per completare la propria formazione, ma sempre piu’ per trovare lavoro alla luce dalle maggiori possibilita’ in termini tanto di progressione di carriera quanto di arricchimento professionale, sociale ed umano”.
“Infatti, oltre ad una retribuzione sensibilmente piu’ elevata rispetto a quelle offerte in Italia, all’estero si ha la possibilita’ di avere un contratto ‘permanent’ (a tempo indeterminato) nel giro un anno o due al massimo. Un medico italiano e’ in genere assunto dal Ssn ad un’eta’ in cui un medico inglese diventa ‘consultant’, ovvero cessa il rapporto come dipendente per diventare una forma di consulente e libero professionista”.Pertanto il Sigm propone di “anticipare nel contesto del corso di laurea in medicina e chirurgia il tirocinio professionalizzante dell’esame di stato (laurea professionalizzante) e rendere abilitante alla professione il concorso di accesso alla specializzazione (parimenti al concorso annuale per l’accesso al corso specifico di medicina generale): i vincitori del concorso e i non vincitori, a patto di superare una soglia minima, conseguirebbero in tal modo l’idoneita’ all’esercizio della professione”.
Il Segretariato e’ anche “a favore dell’adozione di un sistema a graduatoria unica su base nazionale, in modo da introdurre criteri di valutazione quanto piu’ possibile oggettivi ed uniformi ai fini dell’accesso alla formazione medica. Il tutto a patto che tale riforma sia sostenuta dagli idonei strumenti necessari per eliminare le differenze di reddito e sostenere gli studenti e i medici piu’ meritevoli e capaci. I giovani medici – chiude la nota – chiedono che venga istituito un tavolo tecnico interministeriale, Universita’ e Salute, che possa elaborare una proposta di riordino dell’attuale sistema formativo-professionalizzante del giovane medico, che dovrebbe fondarsi su rete formativa integrata tra universita’, territorio ed ospedali”.

Categorie: Giovani Medici, Offerte di Lavoro, Salute e Benessere, Sanita' | Tag: , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: